Autore: Stefano Calicchio

Disoccupazione

L’Italia sul podio europeo della disoccupazione, terzo Paese dopo Grecia e Spagna

Secondo gli ultimi dati comunicati dall’Eurostat il Bel Paese risulta terzo in classifica per quanto concerne il tasso di disoccupazione.

Gli ultimi aggiornamenti in arrivo dall’Eurostat delineano un quadro preoccupante in merito alla disoccupazione registrata in Italia, soprattutto se si effettua un paragone rispetto agli altri partner europei. Secondo le stime dell’ente di ricerca statistica, la nostra penisola compare come terza nella classifica delle nazioni con maggiore disoccupazione, seguita solo dalla Grecia e dalla Spagna.

Entrando nel dettaglio delle cifre in gioco, la prima dimostra un tasso di disoccupazione del 16,5%, mentre la seconda del 13,7%. L’Italia si ferma al 9,8%. Purtroppo dati simili si registrano anche rispetto alla disoccupazione giovanile, che in Grecia risulta stimata al 36,1% ed in Spagna al 30,6%. In questo caso il dato italiano è ancora più vicino a quello dei primi due classificati, ovvero al 29,3%.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cedolino di Marzo 2020 NoiPA: già possibile consultare la data di pagamento

Disoccupazione in Italia: le evidenze rispetto ai numeri registrati negli altri paesi europei

I numeri risultano ancora più emblematici soprattutto se vengono confrontati con quelli registrati mediamente dagli altri Paesi partner europei. In particolare, il tasso di disoccupazione dell’intera zona euro si ferma nel mese di gennaio 2020 al 7,4%, in calo dello 0,4% rispetto allo stesso parametro registrato esattamente un anno fa.

Oltre a ciò, l’Eurostat sottolinea che il risultato rappresenta il dato più basso mai registrato sin dalla crisi del 2008. Tra i Paesi più virtuosi in questa particolare classifica a gennaio 2020 troviamo la Repubblica Ceca con il 2,0% di disoccupazione, la Polonia con il 2,9% ed i Paesi Bassi con il 3,0%.

In linea generale, l’Eurostat stima che nei 27 Paesi componenti l’UE 14086 milioni di persone risultavano disoccupate nel mese di gennaio 2020. I dati del bollettino dell’ente di ricerca statistica sono pubblicati all’interno del “Statistical Office” dell’Unione Europea e sono scaricabili dal sito ec.eurostat.eu.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, Rizzetto (FdI): ‘il sistema dei contributi Enasarco deve cambiare’