Autore: B.A

Agevolazioni fiscali - Crisi economica

Fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese nel decreto di maggio, lo ha anticipato Gualtieri in Parlamento

Sembra che ci siano buone possibilità che tra le misure del decreto di maggio, ci sia qualcosa a fondo perduto per chi ha subito la crisi economica. In settimana il decreto fugherà i dubbi.

Ormai è tempo di mettere a punto il decreto di maggio, il nuovo decreto emergenziale del governo, per dare sostegno a famiglie, lavoratori e imprese alle prese con la grave crisi economica di questi ultimi mesi. Dopo che è fuoriuscita la bozza del decreto, alcuni giorni fa, adesso il governo è alle prese con l’ultimazione del decreto. Ieri fino a tarda notte, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha avuto una riunione con i capi-delegazione di tutti i partiti che formano la sua maggioranza.

Oggi invece è stata la volta del Ministro dell’economia, Roberto Gualtieri, in audizione presso la Commissione Finanze della Camera. Questa Commissione è quella che in queste ore sta esaminando il decreto liquidità, altro atto che il nostro esecutivo ha già provveduto ad emanare per mettere liquidità nel sistema produttivo nostrano. Il Ministro Gualtieri ha anticipato nel suo discorso, alcune misure che finiranno nell’imminente decreto di maggio.

LEGGI ANCHE: Bonus 600 euro Inps: 4,7 milioni di domande, verso altre 600 euro per aprile e 1000 euro per maggio

Tra decreto liquidità e nuovo decreto economico

«Le moratorie dei finanziamenti sono subito esecutive, e la banca non può sindacare», queste le parole del Ministro Gualtieri come le riporta un articolo del quotidiano «Repubblica». Il Ministro Gualtieri ha voluto così rispondere alle sollecitazioni circa le criticità che le banche oppongono ai clienti che cercano di ottenere i prestiti a garanzia statale previsti proprio dal decreto liquidità.

Molto importanti le parole che il titolare del Mef ha detto riguardo il nuovo decreto di maggio. «Nel decreto ci saranno interventi a fondo perduto per le imprese», questo ciò che ha detto il Ministro, che in pratica conferma le voci delle ultime settimane che volevano il governo intenzionato a produrre uno strumento che dia liquidità alle imprese, ma non in forma di finanziamento.

LEGGI ANCHE: Taglio pensioni: ecco a partire da quale importo sono al sicuro

Anche il ristoro degli affitti

«Nel decreto che stiamo completando ci saranno misure molto importanti a sostegno delle imprese anche sotto forma di contributi a fondo perduto a sostegno della capitalizzazione, degli investimenti e dell’innovazione», parole che non lasciano dubbi circa la volontà dell’esecutivo a recepire le istanze di molti imprenditori, sia piccoli che grandi, che chiedevano fondi e non prestiti. Per le imprese che hanno subito un calo di fatturato, Gualtieri ha anche anticipato che potrebbe nascere una misura che produca lo storno dell’affitto per molte imprese che hanno subito un calo di fatturato a causa dell’emergenza.

Una misura che dovrebbe essere allargata a tutte le imprese, a prescindere dalla dimensione aziendale. E sempre nell’ottica di agevolare quanto più possibile le imprese in grave crisi adesso, Gualtieri, ha detto che si prova ad eliminare gli oneri fissi per le bollette. Il decreto maggio dovrebbe finire sul tavolo del Consiglio dei Ministri in settimana, ma come è evidente, sono molte le misure ancora in lavorazione.