Fisco, novità in arrivo: tasse cancellate dopo le sospensioni

Fisco, novità in arrivo: tasse cancellate dopo le sospensioni

Nel decreto Ristori 5, si pensa ad un vero aiuto alle Partite Iva.

C’è chi dà tempo chiedeva al governo di avviare l’anno bianco del fisco, ovvero, un anno di esenzione dalle tasse per via della pandemia e della conseguente crisi economica. Tra i tanti a chiederla, Matteo Salvini, leader della Lega. Insufficiente la sola sospensione delle scadenze, ovvero, il rinvio di qualche mese per le date di pagamento.

Non serve certo una mente eccelsa per capire che rinviare le tasse da ossigeno nell’immediato, ma sposta solo in avanti i pagamenti. Il governo però adesso pensa ad una soluzione diversa in vista del decreto Ristori 5. Le tasse potrebbero davvero essere cancellate.

La relazione sul decreto Ristori 5 da speranza

L’esonero dal pagamento delle tasse sembra essere più di una semplice opzione. Lo dimostra un articolo del quotidiano “Italia Oggi” che riporta le parole del Senatore del Movimento 5 Stelle, Vincenzo Presutto. Si tratta del Senatore grillino che è anche il relatore del decreto Ristori 5 in Senato. Ed è proprio nella stesura del Decreto Ristori 5 che potrebbe fare capolino la novità più importante per quanto riguarda le tasse.

Dalle sospensioni si potrebbe passare agli esoneri delle tasse. Naturalmente la linea sarebbe sempre quella di agevolare le aziende che hanno subito un calo di fatturato. Ma si passerà a nuovi criteri di valutazione, perché dovrebbero essere superate le regole fin qui adottate che prevedevano aiuti e indennizzi in base ai fatturati.

“Le imprese che usufruiranno del rinvio delle tasse e che avranno un calo del fatturato al 31 dicembre 2020 potranno avere abbuonate le tasse che al momento sono rinviate”, questo ciò che il Senatore pentastellato Presutto ha dichiarato al quotidiano economico.

I nuovi parametri dovranno essere messi a punto da precisi provvedimenti

Il calo di fatturato quindi diventa fattore determinante per poter ottenere quello che a tutti gli effetti potrebbe essere un provvedimento di cancellazione delle tasse.
I parametri di questo calo del fatturato a dicembre 2020 andranno inevitabilmente perfezionati dal Governo nel decreto Ristori 5.

“Al momento abbiamo già una base, nel fondo perequativo previsto dal decreto Ristori 4”, questo l’annuncio del Senatore grillino che si riferisce a quel fondo nato proprio per diventare un contenitore di eventuali nuove misure di aiuto e di sostegno a imprese inevitabilmente in grave crisi per via del Coronavirus.

La novità dell’ultimo minuto quindi, come sottolinea anche il quotidiano “Il Messaggero”, potrebbe essere il fondo ad hoc utile per cancellare le tasse che nel frattempo sono state sospese e rinviate ad aprile del 2021. Infatti per adesso la conferma è la data posticipata delle scadenza, tutte al 30 aprile a prescindere se l’Azienda interessata è situata in zona rossa, gialla o arancione. La discriminante per il momento è il calo di fatturato del 33% nel primo semestre 2020 rispetto al primo semestre 2019 e il limite di fatturato che deve essere inferiore a 50 milioni di euro.

Leggi anche: Pace fiscale, nuovo calendario pagamenti per via dell’emergenza da coronavirus