Felicissima sera: il monologo sul politicamente corretto e il gesto di Eros Ramazzotti

Appuntamento conclusivo con lo spettacolo di Pio e Amedeo, che raggiunge i 4,3 milioni di telespettatori

Ultimo appuntamento con Felicissima sera, lo show di Pio e Amedeo andato in onda per tre venerdì nel mese di Aprile e che ha riscosso un ottimo risultato in termini di audience. Anche nella serata conclusiva, vista da 4.331.000 di telespettatori con uno share del 22,5%, il programma ha proposto momenti comici, musicali e di riflessione.

Eros Ramazzotti omaggia i lavoratori del mondo dello spettacolo

Il primo personaggio famoso, ad intervenire nello spettacolo, è stato Eros Ramazzotti, che si è sottoposto alle domande, a volte irriverenti, di Pio e Amedeo, a cui ha saputo tenere sempre testa con una spiccata ironia. E così alla domanda di Pio sulla sua ex moglie, «Ma perché Michelle ride sempre», il cantautore ha risposto: «A letto non rideva».

Eros Ramazzotti si è poi esibito in un medley di alcuni suoi successi storici scelti da alcuni collaboratori del programma che lavorano dietro le quinte. L’esibizione del cantautore romano si è conclusa con l’esecuzione di Se bastasse una canzone , mentre sullo sfondo scorrevano le immagini di Bauli in piazza, la recente manifestazione in favore dei lavoratori del mondo dello spettacolo, tra i più penalizzati dalle chiusure per la pandemia da Covid-19.

E proprio a questi lavoratori, Eros Ramazzotti, ha donato il suo compenso per la partecipazione a Felicissima sera. «E’ solo una goccia nell’oceano», le parole del cantautore che si augura che le cose possano cambiare in meglio al più presto.

Raoul Bova stacca un assegno da ottomila Euro, Noemi risponde agli hater

Secondo ospite della serata Raoul Bova, che dopo la classica intervista stile Fazio di Pio, con le incursioni di Amedeo, compreso anche un bicchiere di vino e dei lupini, è stato protagonista di una scena di un film ideata da Pasquale Iannuzzi, un attore della provincia di Foggia. L’esilarante momento si è concluso con i due comici pugliesi che hanno “estorto” a Raoul Bova una donazione di otto mila Euro per il nuovo film di Iannuzzi.

Sul palcoscenico anche la cantante Noemi, insultata sui social dopo essere dimagrita. L’artista, che ha rivendicato la sua scelta personale, ha lanciato un messaggio a chi ogni giorno riceve insulti e offese: «fate finta di niente, perché in fondo sono solo parole», prima di intonare il suo celebre brano musicale.

Pio e Amedeo: «L’ironia salverà il mondo»

Dopo gli ospiti è arrivato il monologo dei due comici che hanno affrontato il tema del politicamente corretto. Con lo slogan: «L’ironia salverà il mondo», Pio e Amedeo, hanno portato in televisione tutte quelle parole che, al giorno d’oggi, non possono dirsi senza essere tacciati di essere razzisti o omofobi.

Ripetuti più volti questi termini, anche con il rischio di toccare la sensibilità di qualcuno, i due comici hanno trasmesso un messaggio molto chiaro: « Non sono le parole che fanno male, ma le intenzioni. Va condannata la cattiveria.»

Spazio anche alle differenze tra il mondo del cinema e della televisione, con la presenza di Laura Chiatti, con la quale, i due comici, hanno provato a girare una scena d’amore, con il sottofondo musicale eseguito dal vivo da Nina Zilli. Alla fine tra marito, moglie e amante di lei, la storia si è conclusa con un bacio tra Pio e Amedeo.

Il saluto commovente di Pio e Amedeo

Dopo un regalo a Michele Dell’Oglio, un ragazzo autistico già protagonista speciale di una puntata di Emigratis e il momento dedicato alla musica neomelodica, i due comici si sono congedati dal loro pubblico spiegando che la loro intenzione era quella di riuscire a portare un pizzico di normalità in questo periodo delicato.

«È stato il nostro nuovo abbraccio per voi. Spero vi sia arrivato», le loro parole, prima di salutare e abbracciare, con gli occhi lucidi, tutte le persone del mondo dello spettacolo che hanno potuto tornare a lavorare per la realizzazione del programma.

«Senza di loro attorno, noi al centro che ci stiamo a fare», l’omaggio dei due comici, prima che il cantante napoletano Andrea Sannino esegua il suo ultimo successo Abbracciame.