Autore: Stefano Calicchio

Dipendente - Fisco - Busta paga

Cuneo Fiscale, il taglio arriva in Gazzetta Ufficiale: buste paga più pesanti dal prossimo 1° luglio 2020

Arriva in GU il decreto riguardante il taglio al cuneo fiscale. Previste importanti novità per i redditi fino a 40mila. Ecco in che modo la busta paga diventerà più pesante.

Arrivano importanti novità rispetto al taglio del cuneo fiscale, dopo che nella giornata di ieri si è concretizzato all’interno della Gazzetta Ufficiale (pubblicazione numero 29) il decreto legge numero 3 risalente al 5 febbraio del 2020. Nella pratica, a partire dal prossimo 1° luglio ci saranno buste paga più pesanti fino a 40mila euro, con un doppio binario di applicazione che riguarda in primo luogo coloro che presentano redditi fino a 28mila euro.

In questo caso dal 1/07/2020 prenderà quindi forma un bonus da 600 euro per il restante semestre dell’anno. Cifra che sale fino a 1200 euro per il 2021. Diverso il secondo punto, visto che fino ai 40mila euro è stata introdotta una detrazione fiscale equivalente, corrispondente a 480 euro rimodulati. Il bonus arriva a corrispondere 80 euro mensili fino ad un reddito lordo annuo complessivo di 35mila euro.

TI POTREBBE INTERESSARE: Legge 104, le agevolazioni previste nel 2020 per l’acquisto delle auto dei disabili

Cuneo fiscale: chi potrà beneficiare della misura

Per quanto concerne i beneficiari della misura, il provvedimento riguarda al momento solo i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, ovviamente purché presentino un monte reddituale corrispondente a quello indicato nelle soglie appena evidenziate.

Bisogna inoltre sottolineare un secondo punto: per coloro che percepivano già il bonus Renzi da 80 euro, l’aumento porterà il beneficio a 100 euro mensili fino ad un reddito annuo lordo di circa 26600 euro. Dopo tale cifra il taglio al cuneo fiscale decresce procedendo verso l’estinzione. Il provvedimento coinvolge un gruppo molto vasto di lavoratori, considerando che saranno coinvolte circa 16 milioni di persone.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni a punti, in Francia continuano le tensioni: scioperi e mobilitazioni in strada, 22mila emendamenti in Parlamento