Autore: B.A

Coronavirus

Coronavirus, sorprendente studio: la spesa pubblica per contagiato in ogni Regione

Un vero salasso per le casse dello Stato la spesa sostenuta per ciascun infetto del Coronavirus.

Tornano a salire i contagi da coronavirus. Con la fine dell’estate la risalita è continua e incessante. Salgono i numeri degli infetti, tra asintomatici, con sintomi lievi e sintomatici veri. E risalgono i costi per il nostro Servizio sanitario nazionale, perché ogni contagiato costa caro. La cosa curiosa è che da Regione a Regione cambiano i costi per singolo contagiato. Lo mette in luce uno studio di Anac, l’Autorità nazionale anti corruzione. Ecco cosa si evince da questa indagine.

Le spese sostenute per contagiato in Italia

L’Anac ha avviato questa indagine ed ha calcolato che solo a marzo e aprile, nei mesi del lockdown e del picco della pandemia, la situazione relativa alla spesa del SSN per i malati Covid era di circa 5,8 miliardi. Una enormità vera e propria, che però che un lato per così dire, curioso. Infatti le differenze in termini di spesa tra Regione e Regione sono piuttosto marcate.

Enormi differenze quindi sono quelle che emergono da questo studio. Parliamo dei costi relativi anche alle gare di affidamento dei contagiato da Covid alle varie strutture che in questi mesi se ne sono occupati.

Quindi, come detto, solo nei mesi del lockdown ci sono voluti 5,8 miliardi di euro. Per capire l’entità di questo salasso per le casse pubbliche, basti pensare che per il 2019, la tanto discussa quota 100 (misura previdenziale ritenuta costosissima dai più) aveva uno stanziamento di 3,9 miliardi di euro (8,3 e 8,7 per 2020 e 2021).

In Campania ogni contagiato è costato 15 volte più che in Lombardia

Naturalmente l’indagine di Anac riguarda la media per singola Regione, perché è evidente che ogni contagiato presenta costi differenti in base alla gravità del contagio, al ricorso alla terapia intensiva piuttosto che al luogo dove ha trascorso la quarantena.

La spesa media della Campania, per contagiato, è stata la più elevata d’Italia. Ogni contagiato della Regione del governatore De Luca è stata di 76.308 euro. In pratica, circa 15 volte in più di quanto è costato mediamente un contagiato in Lombardia, la Regione più colpita dal virus fin dai primi mesi del 2020. In Lombardia ogni contagiato ha gravato sul sistema per 5.178 euro.

In Toscana per esempio, la spesa media per contagiato è stata di 40.280 euro. Dati diametralmente opposti a quelli del numero degli ammalati, con la Lombardia che all’epoca aveva fatto registrare ben 75.372 positivi, mentre molti di meno in Campania e Toscana, rispettivamente con 4.423 e 9.932 malati Covid.

Campania, Toscana, Sardegna e Basilicata sono in ordine, le Regioni dove la media di spesa per contagiato è sopra la media nazionale che si aggira sui 30.000 euro. Nello specifico, 10.212 euro per contagiato in Veneto, 26.000 in Puglia, 15.259 nel Lazio, 14.027 in Calabria, 9.018 in Piemonte, 6.287 euro in Umbria, 5.335 euro nelle Marche.

Tornando alle Regioni che potremmo definire, meno virtuose da questo punti di vista emergono i 36.828 euro della Sardegna, i 30.293 della Basilicata. E poi ancora i 13.773 dell’Emilia Romagna, i 22.878 del Friuli Venezia Giulia, i 18.047 dell’Abruzzo e i 13.913 della Liguria. In Molise invece 4.856 euro a contagiato mentre in Valle d’Aosta 3.923 euro.

Anac alla fine del suo studio spiega che le cifre che vengono riportate riguardano contratti, convenzioni, forniture di materiali, lavori e servizi, le spese per l’acquisto di ventilatori e ossigeno per le terapie intensive, per tamponi e test diagnostici, farmaci, prodotti disinfettanti e per l’igienizzazione degli ambienti ospedalieri, mascherine, guanti, tute e altri dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari.