Contributo a fondo perduto per i Comuni montani: i requisiti per accedervi

Contributo a fondo perduto per i Comuni montani: i requisiti per accedervi

Il contributo a fondo perduto per i Comuni montani sarà richiedibile tra pochi giorni. Scopriamo chi sono i beneficiari e tutti i dettagli sull’agevolazione economica.

I contributi a fondo perduto per i Comuni montani sono stati previsti dal decreto Agosto. L’Agenzia delle Entrate ha emanato un provvedimento l’8 febbraio 2021, in questo sono indicate tutte le istruzioni e il modello che andrà compilato correttamente. I beneficiari di questo contributo sono gli Operatori IVA dei Comuni montani.

Potranno farne domanda esclusivamente coloro che non hanno ancora presentato la richiesta per il finanziamento del decreto Rilancio e che possiedono i requisiti determinati dalla legge di conversione del decreto Agosto. Le domande possono essere presentate solamente in una finestra di tempo molto ristretta che va dal 10 febbraio 2021 al 24 febbraio 2021.

Fondo perduto per i Comuni montani: chi sono i beneficiari?

Attraverso il provvedimento n. 36.282 dell’8 febbraio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha attuato quanto disposto dall’art. 60 del decreto Agosto. I beneficiari dell’agevolazione sono esclusivamente coloro che possiedono determinate caratteristiche, in generale il contributo a fondo perduto riguarda gli Operatori IVA che sono stati classificati come totalmente montani. La domanda deve essere presentata in una arco di tempo ristretto, ovvero dal 10 febbraio 2021 al 24 febbraio 2021.

I soggetti devono avere il domicilio fiscale o la sede operativa in un Comune montano che è stato colpito da calamità ancora in atto in data 31 gennaio 2020 (in tale data è stata difatti dichiarata l’emergenza per la pandemia di Coronavirus). È anche fondamentale non aver presentato domanda all’interno del periodo stabilito, ossia dal 15 giugno 2020 e fino al 13 agosto 2020. Infine, per accedere al fondo perduto è necessario che l’attività lavorativa sia iniziata prima dell’1 maggio 2020.

Come inviare la domanda per ricevere il fondo

Come abbiamo accennato, all’interno del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate sono presenti anche le istruzioni dettagliate e il modello per richiedere i contributi a fondo perduto per i Comuni montani. Secondo quanto riportato nel provvedimento, la richiesta deve essere presentata esclusivamente in via telematica. Per farlo si deve utilizzare il sevizio web dedicato: dopo essere entrati nel sito dell’Agenzia delle Entrate, si deve andare nella propria area riservata del portale denominato “Fatture e Corrispettivi”.

Nell’eventualità in cui la somma del contributo superi i 150.000 euro, oltra a trasmettere i propri dati telematicamente, è necessario anche trasmettere il modello d’istanza in formato PDF. Il modello deve essere anche firmato da colui che ha fatto la richiesta e deve comprendere anche il quadro A (autocertificazione antimafia). Questo deve essere inviata tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) all’indirizzo email Istanza-CFP150milaeuro@pec.agenziaentrate.it.

La somma verrà accreditata direttamente all’interno del conto corrente del richiedente, infatti nella richiesta risulta essenziale indicare anche il proprio IBAN.

A quanto ammonta il contributo

Il contributo a fondo perduto dipende dal rapporto tra il limite complessivo di spesa che è stato stabilito dall’art. 60, comma 7-septis, del decreto Agosto e la somma complessiva dei contributi dell’istanza che è stata accolta.