Autore: Carmine Orlando

Ammortizzatori sociali

Congedo Covid-19: chiarimenti INPS per lavoratori dipendenti con figli in quarantena

La circolare INPS n.116 del 2 ottobre 2020, effettua delle precisazioni sul congedo COVID-19 di cui possono fruire i lavoratori dipendenti con figli in quarantena scolastica.

I contagi da coronavirus sono ormai in costante aumento in Italia, la situazione nelle scuole sembra essere sotto controllo, almeno è quello che sostiene il governo. Tuttavia, le chiusure di alcuni plessi non sono mancate e ci sono dei genitori lavoratori andati in difficoltà, in quanto costretti a badare ai figli messi in quarantena per una positività riscontrata all’interno delle strutture scolastiche.

Congedo genitoriale per i figli posti in quarantena: le precisazioni dell’INPS

A questo proposito, una circolare INPS chiarisce che per i genitori che occupano una posizione da lavoratore dipendente (privato o pubblico), e che per l’appunto hanno uno o più figli under 14 conviventi (stessa residenza anagrafica) messi in quarantena per contagi avvenuti nella scuola, è previsto un congedo retribuito pari al 50% dello stipendio. Fermo restando che il soggetto in questione non possa svolgere il proprio lavoro in smart working o in maniera agile.

L’INPS precisa che sono esclusi da questo beneficio, i genitori che risultano iscritti alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, dei professionisti, dei collaboratori con iscrizione alla gestione separata.

La durata del congedo è pari a quella della quarantena imposta, purché sia compresa dal 9/9/2020 al 31/12/2020. Tutti e due i genitori possono fruire del beneficio, ma non nelle stesse giornate.

Congedo COVID-19 lavoratori dipendenti con figli in quarantena: incompatibilità e compatibilità

Il congedo COVID-19 per figli minori di 14 anni messi in quarantena scolastica, non è compatibile, quando entrambi i genitori sono conviventi con il figlio, per le seguenti altre tipologie relative all’assenza dell’altro genitore: riposi quotidiani per allattamento, congedi per maternità o paternità, cessazione del lavoro, misura di sostegno al reddito causa sospensione dell’attività lavorativa, fatto salvo un’avvenuta riduzione degli orari di lavoro.

Il congedo COVID-19 per figli minori di 14 anni messi in quarantena scolastica, è compatibile, quando entrambi i genitori sono conviventi con il figlio, per le seguenti altre tipologie relative all’assenza dell’altro genitore: maternità o paternità, ferie, aspettativa non retribuita, situazioni di fragilità, permessi e congedi concessi tramite legge 104/1992, inabilità e pensione di invalidità.

La domanda

I genitori che sono lavoratori dipendenti nel privato devono effettuare la domanda previo il sito INPS, che può riguardare periodi anteriori ma sempre compresi nel periodo 9 settembre / 31 dicembre 2020. Chi fa richiesta dovrà essere in possesso del provvedimento di quarantena disposto dal Dipartimento di prevenzione della ASL competente del territorio. In caso contrario, il richiedente ha 30 giorni di tempo per fornirlo dal giorno della presentazione della domanda.

I genitori che sono lavoratori dipendenti pubblici presentano la domanda alla propria amministrazione di competenza che si occuperà anche delle modalità di ottenimento del congedo richiesto.