Congedi parentali Covid: al via le domande

Dal 29 aprile 2021 è possibile inviare la domanda per ottenere il congedo parentale Covid in caso di figli in quarantena, in DAD oppure positivi al virus. Vediamo in cosa consiste la procedura dell’INPS.

Con il messaggio numero 1752, l’INPS ha annunciato che dal 29 aprile 2021 sarà possibile presentare la domanda per i congedi parentali Covid. All’interno dell’informativa, l’Istituto ha anche fornito le istruzioni utili per compilare e per inviare correttamente la richiesta online.

Ricordiamo che questi congedi sono un diritto per i lavoratori dipendenti che hanno dei figli minori di 14 anni oppure disabili costretti a casa a causa del Covid. Nello specifico, possono richiedere il congedo i genitori i cui figli sono positivi al Covid, sono in quarantena oppure seguono le lezioni in DAD.

Congedi parentali Covid Inps: ecco il messaggio dell’Istituto

Grazie al messaggio numero 1752 del 29 aprile 2021, l’INPS ha voluto informare tutti i cittadini interessati su come eseguire correttamente la procedura per ottenere i congedi parentali Covid 2021. Attualmente quindi è possibile seguire una specifica procedura online allo scopo di ottenere il congedo. Ricordiamo che il congedo prevede un indennizzo pari al 50% della retribuzione ed è riferito a un periodo che va dal 13 marzo 2021 al 30 giugno 2021.

In realtà esiste anche la possibilità di convertire periodi precedenti che vanno dal 1° gennaio 2021 in avanti. Eventuali periodi di congedo parentale oppure il prolungamento dei congedi parentali ordinari richiesti nel periodo che va dal 1° gennaio 2021 al 12 marzo 2021, possono essere infatti convertiti in congedi Covid come quelli richiedibili attualmente.

Per ottenere la conversione è necessario seguire la medesima procedura di chi presenta una nuova domanda. Non c’è infatti bisogno di effettuare nessun’altra operazione per poter ottenere tale conversione di congedo.

All’interno dell’informativa in questione, l’Istituto ha voluto spiegare nuovamente quanto detto poco sopra. Nello specifico, nel messaggio di legge che «Il congedo di cui trattasi può essere fruito dai genitori lavoratori dipendenti del settore privato nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile e in alternativa all’altro genitore convivente con il figlio, o anche non convivente in caso di figlio con disabilità grave».

Come presentare la domanda di congedo parentale Covid

La domanda di congedo straordinario Covid può essere presentata esclusivamente in via telematica. Esistono comunque diverse possibilità per inviare la propria richiesta. I genitori lavoratori possono infatti andare sul portale web dedicato fornito dall’INPS entrando nella sezione «Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata».

In alternativa esiste anche la possibilità di chiamare il contact center integrato componendo il numero verde gratuito da linea fissa 803.164. Il contact center si può chiamare anche da rete mobile (a pagamento) componendo il numero 06 164.164.

Infine, chi non riesce autonomamente tramite il portale online, può anche decidere di farsi aiutare. Ci si può infatti anche rivolgere a Istituti di Patronato e sfruttare i servizi che essi offrono in maniera gratuita ai cittadini che ne hanno bisogno.