Autore: Caterina Perna

Lavoro

18
Nov

Concorso scuola: atteso bando nelle prossime settimane

Tra i vari concorsi per la scuola previsti nei prossimi mesi, alcuni potrebbero prevedere una prova preselettiva. Ecco nel dettaglio i requisiti d’accesso.

Grande attesa nel mondo della scuola, per la pubblicazione dei bandi di concorso ordinario e straordinario per gli aspiranti docenti di ruolo della secondaria di primo e secondo grado.

I due bandi dovrebbero essere pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, entro la fine dell’anno 2019. I posti totali previsti dal Ministero dell’Istruzione sono pari a 48 mila (24.000 per lo straordinario, 24.000 per l’ordinario).

Gli aspiranti docenti in possesso di una laurea unitamente ai 24 Cfu, potranno partecipare al concorso ordinario. Il requisito per partecipare al concorso ordinario è il possesso dell’abilitazione all’insegnamento per una specifica classe di concorso.

Pertanto, ogni candidato in possesso di una laurea, dovrà controllare sul sito del Ministero dell’Istruzione (Miur) a quale classe d’insegnamento potrà accedere (a titolo d’esempio i laureati in economia aziendale, potranno accedere alla classe A045 scienze economico-aziendale e A047 matematica applicata).

Requisiti di accesso al concorso straordinario

Il bando straordinario, atteso entro il 2019, prevede 24.000 posti (da suddividere tra posti comuni e sostegno). I requisiti d’accesso risultano essere i seguenti:

  • titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso;
  • tre annualità di servizio anche non consecutive svolte tra l’a.s. 2011/12 e l’anno scolastico 2018/19 su posto comune o di sostegno:
  • almeno un anno di servizio deve essere stato svolto per la classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre.

Per accedere al concorso per i posti di sostegno è necessario essere in possesso della relativa specializzazione.

Inoltre, per il concorso straordinario ci sarà solo una prova scritta al computer che verrà superata con un punteggio di 7/10. Per quanto riguarda il concorso ordinario, sarà il decreto apposito che stabilirà l’eventuale prova preselettiva.

In linee generali, la procedura concorsuale dovrebbe suddividersi nel seguente modo:

  • prova eventuale pre-selettiva
  • prova scritta
  • prova orale
  • valutazione titoli.

Concludiamo infine con le ultime indicazioni relative alle prove. Per quanto riguarda il concorso per i posti comuni sono previste due prove scritte e una prova orale. Per i posti di sostegno una scritta e una orale.