Concorso Segretario di Legazione: si cercano 50 profili

Concorso Segretario di Legazione: si cercano 50 profili

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale sta cercando 50 Segretari di Legazione. Scopriamo i requisiti necessari.

Il Concorso Segretario di Legazione è stato indetto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Il Bando del Concorso offre 50 posti di lavoro per il profilo lavorativo di Segretario di Legazione.

Per rispondere al Bando c’è tempo solo fino al 7 giugno 2021. Potranno partecipare alla selezione esclusivamente i possessori di determinati titoli di studio, infatti solo coloro che si sono laureati in specifici ambiti hanno diritto a rispondere al Bando.

Ricordiamo che 7 posti sono riservati a dipendenti del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale inquadrati in terza area. Questi devono essere in possesso di un titolo di studio indicato all’interno del Bando e devono aver lavorato per almeno tre anni nella terza area oppure nella corrispondente area denominata in passato Area C.

Concorso Segretario di Legazione: i requisiti

Per poter partecipare al Concorso di Segretario di Legazione è necessario essere in possesso di determinati requisiti. Quelli generici sono:

• Cittadinanza italiana
• Maggiore età
• Età non superiore ai 35 anni compiuti
• Essere elettori politici attivi
• Non essere mai stati destituiti da impiego presso Pubblica Amministrazione
• Non essere mai stati dichiarati decaduti da Impiego Statale
• Avere idoneità psico-fisica per poter svolgere l’attività diplomatica sia presso l’Amministrazione centrale che in sedi estere

Oltre ai requisiti appena elencati è necessario anche essere in possesso di uno specifico titolo di studi. I candidati possono infatti accedere al Bando solo se in possesso un diploma di Laurea Magistrale o di Laurea Specialistica nelle facoltà di:

• Finanza
• Giurisprudenza
• Relazioni internazionali
• Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica
• Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali
• Sociologia
• Sociologia e ricerca sociale
• Studi europei
• Servizio sociale e politiche sociali
• Scienze della politica
• Scienze dell’economia
• Scienze delle pubbliche amministrazioni
Scienze economiche per l’ambiente e la cultura
• Scienze economico-aziendali
• Scienze per la cooperazione allo sviluppo

I candidati possono anche essere in possesso di una Laurea del vecchio ordinamento in:

• Giurisprudenza
• Economia e commercio
• Marketing
• Scienze statistiche
• Relazioni pubbliche
• Scienze della comunicazione
• Sociologia
• Scienze economiche
• Discipline economiche e sociali
• Scienze politiche
• Scienze internazionali e diplomatiche

Come avviene la selezione?

Il primo passaggio della selezione consiste nella valutazione dei titoli.

Ci sarà una prova attitudinale che durerà 60 minuti. Questa sarà composta da un questionario a risposta multipla su vari argomenti specificati nel Bando, ossia:

• Diritto internazionale pubblico e dell’UE
• Politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale
• Storia delle relazioni internazionali dal Congresso di Vienna in poi
• Lingua inglese su tematiche di attualità internazionale
• Test per accertare le capacità logiche di ragionamento

Ci saranno poi prove scritte che riguarderanno le stesse materie della prova attitudinale.

La prova orale tratterà invece non solo le materie già citate, ma anche:

• Geografia politica ed economica
• Contabilità di Stato
• Diritto pubblico italiano costituzionale
• Diritto pubblico italiano amministrativo
• Nozioni istituzionali di diritto civile e di diritto internazionale privato

Durante la prova orale il candidato dovrà anche sostenere una conversazione in inglese e in un’altra lingua straniera a sua scelta. Questa conversazione ha lo scopo di dimostrare la capacità del candidato di parlare in lingua straniera.