Autore: B.A

Lavoro

Colf e Badanti, stipendio: come cambia dal 2021

Con il nuovo Ccnl appena approvato, nuove tabelle e nuovi minimi stipendiali, ecco le cifre.

Come ogni anno gli stipendi di Colf, badanti e lavoratori domestici intesi come categoria generale, si adeguano all’indice dei Prezzi al consumo dell’Istat. L’aggiornamento in genere esce fuori da un incontro in sede Ministeriale a cui partecipano le maggiori associazioni dei datori di lavoro domestico e i maggiori sindacati del settore.

Incontro che generalmente si tiene ad inizio nuovo anno. Per il 2021 però tutto già deciso. Il 2020 infatti è l’anno in cui dopo quasi 5 anni è stato finalmente rinnovato il Ccnl di categoria. Il nuovo documento collettivo, sottoscritto tra gli altri da Fidaldo e Domina, per i datori di lavoro del settore domestico e da Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UILTuC e Federcolf per i lavoratori del settore, ha prodotto oltre che alcune novità riguardanti il livello di inquadramento ed un premio per le baby sitter e alcune badanti, anche novità per le tabelle dei minimi stipendiali 2021.

Aumentano gli stipendi, questo ciò che è stato messo nero su bianco nel nuovo documento collettivo e la decorrenza è primo gennaio 2021.

Cosa prevede il nuovo Ccnl per badanti, baby sitter e colf

Il nuovo Ccnl prevede nuove tabelle retributive, con novità applicate in base al livello e alle mansioni svolte. Il nuovo Ccnl sul lavoro domestico è stato sottoscritto lo scorso 8 settembre. Come dicevamo, una di queste novità riguarda lo stipendio minimo. Qualcosa è cambiato già dal primo ottobre per le baby sitter.

Prima di tutto per l’inquadramento che da quella data deve essere al livello BS. Poi, un surplus di stipendio, per quelle che assistono bambini fino a 6 anni. Si tratta di una indennità pari a 115,76 euro al mese.

Per le badanti invece, sempre dal primo ottobre, se per mansioni svolte sono costrette ad assistere più di un soggetto non autosufficiente, oltre all’inquadramento che deve essere al livello CS o DS, viene prevista una indennità, sempre al mese, pari a 100 euro esatti. Questa la prima parte di novità introdotte dal nuovo Ccnl, novità immediatamente eseguibili perché in vigore dal 1° ottobre scorso. Poi da gennaio anche gli scatti di stipendio, per tutti i livelli di inquadramento.

Stipendio colf e badanti 2021

Ricapitolando, per le prime novità già attive, aumenti solo per determinate categorie di lavoratori domestici. Dal primo gennaio però, nuove tabelle in vigore per tutti.

Come sempre è il Ccnl di categoria , in questo caso del lavoro domestico, a fissare l’importo dello stipendio minimo per i lavoratori. Un importo che non può in nessun caso essere inferiore al minimo tabellare.

Fino al 31 dicembre 2021 le tabelle retributive di colf, badanti, baby sitter, giardinieri, cuochi e maggiordomi, restano quelle vigenti attualmente, naturalmente escludendo le novità per determinate badanti e per determinate baby sitter, come spiegato in precedenza.

Dal primo gennaio invece, nuove retribuzioni tabellari minime. Vediamo enllo specifico cosa prevedono le nuove tabelle, con i valori in vigore dal 2021 e con tra parentesi i valori vigenti fino a dicembre:

  • Livello A € 645,50 (636,71);
  • Livello AS € 762,88 (752,48);
  • Livello B € 821,56 (810,36);
  • Livello BS € 880,24 (868,24);
  • Livello C € 938,94 (926,14);
  • Livello CS € 997,61 (984,01);
  • Livello D € 1.173,65 (1.157,65);
  • Livello DS € 1.232,33 (1.215,53).

Cambia anche la paga oraria per le non conviventi che è la seguente:

  • Livello A € 4,69 (4,62);
  • Livello AS € 5,53 (5,45);
  • Livello B € 5,86 (5,78);
  • Livello BS € 6,22 (6,13);
  • Livello C € 6,57 (6,48);
  • Livello CS € 6,93 (6,83);
  • Livello D € 7,99 (7,88);
  • Livello DS € 8,33 (8,22).

Leggi anche: Badanti, colf e baby sitter, come funziona il patentino!