Autore: Stefano Calicchio

INPS

Certificazione Unica 2020, nuova comunicazione dall’Inps: ecco le modalità di rilascio alternative

Dall’ente pubblico di previdenza arriva una nuova comunicazione in merito al reperimento della CU. L’Inps spiega quali alternative sono disponibili con gli sportelli chiusi.

L’emergenza Coronavirus non ha fermato l’attività amministrativa dell’ente pubblico di previdenza, che deve però necessariamente optare per delle modalità differenti da quelle tradizionali per garantire la continuità del proprio servizio. In particolare, con la chiusura degli sportelli l’Inps ha pubblicato nella giornata di ieri una nuova comunicazione nella quale spiega come ottenere la Certificazione Unica 2020 senza doversi recare allo sportello.

Le sedi locali risultano infatti fisicamente chiuse al pubblico per via delle misure restrittive alla mobilità decise dall’esecutivo, al fine di porre freno alla diffusione di Covid-19. Nella pratica, come soluzione principale l’Inps suggerisce di ricorrere al servizio online dedicato al download delle certificazioni uniche, accedendo al sito tramite le proprie credenziali.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, zona rossa estesa a tutta Italia: ecco le misure di aiuto per lavoro, imprese e famiglie

CU 2020: le alternative rese disponibili dall’Inps

In alternativa l’ente previdenziale pubblico suggerisce di utilizzare l’app INPS Mobile scaricabile da smartphone o tablet e disponibile per i sistemi Android o Apple iOS. Resta possibile anche richiedere il documento facendo ricorso al numero verde 800434320 (disponibile sia da fisso che da mobile). Nel risponditore automatico è presente un’apposita voce per la certificazione unica, che verrà spedita al domicilio di residenza del richiedente.

Infine. l’Inps ricorda che non è necessario disporre della certificazione unica se ci si avvale del 730 precompilato, visto che i dati necessari sono già riportati all’interno del documento. Similmente, la CU 2020 non risulta necessaria quando la dichiarazione viene presentata tramite il ricorso ad un CAF oppure ad un professionista abilitato, che provvederà a raccogliere l’apposita delega.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensione di invalidità 2020, come funziona l’aumento a 780 euro al mese