C’è posta per te: disavventura per la postina Chiara Carcano

C'è posta per te: disavventura per la postina Chiara Carcano

Imprevisto nella consegna dell’invito di Maria De Filippi: arriva la polizia

Puntualmente ogni sabato, oltre 6 milioni di telespettatori si sintonizzano su Canale 5 per guardare C’è posta per te , il people show condotto da Maria De Filippi, giunto alla sua 24edizione.

Il format storico della trasmissione prevede che un mittente, una persona o un gruppo di persone, mandino la posta ad un destinatario, che conoscerà chi lo manda a chiamare, solo quando sarà arrivato in studio.

A quel punto potrà decidere se far parlare chi si trova al di là della busta, e alla fine scegliere se accettare o meno le richieste del mittente.

Il compito di recapitare la posta è affidato ai postini di Maria. Si tratta di attori, vestiti da portalettere, che con la loro bicicletta raggiungono, in tutta Italia, i destinatari presso le loro residenze, e dopo averne accertata l’identità con alcune domande, consegnano l’invito senza rivelare chi è il mittente.

Nell’edizione 2021, sono quattro i postini impegnati in questo compito, che viene generalmente svolto, prima che inizino le registrazioni del programma. Si tratta degli storici Marcello Mordino e Gianfranco Apicerni, a cui si sono aggiunti negli ultimi due anni Chiara Carcano e Andrea Offredi.

Chiara Carcano racconta: «Non mi hanno riconosciuta e hanno chiamato la polizia»

L’unica postina del gentil sesso, presente in questa edizione del programma, ha raccontato un curioso aneddoto. Nonostante il programma vada in onda da ben 21 anni, e che i postini di Maria, sono ormai noti ai più, può capitare di imbattersi in gente, che ignora la loro figura.

Proprio questo è capitato a Chiara Carcano, 29enne conduttrice radiofonica che, mentre era intenta nel consegnare la famosa busta, non è stata riconosciuta. Il destinatario dell’invito addirittura, sentendosi minacciato, ha richiesto l’intervento della polizia.

Ma oltre a questo imprevisto, per Chiara Carcano, l’approccio ai destinatari ha una duplice faccia: al citofono, cerca di suonare piano, per non essere invadente, ma se la gente si affaccia alla finestra, allora ecco partire il suo grido: “Sono la postina”. Leggi anche: C’è posta per te: ospiti sabato 20 Febbraio 2021