Autore: Stefano Calicchio

INPS - Cassa integrazione

Cassa Integrazione Covid: ancora 1,2 milioni di persone in attesa di un assegno Cig, gli ultimi aggiornamenti

Le ultime indiscrezioni di stampa segnalano che i lavoratori in attesa della cassa integrazione Covid sarebbero 1,2 milioni al 30 novembre secondo i dati diffusi dal Civ.

Per molti lavoratori prosegue l’attesa relativa alla cassa integrazione. Secondo i dati del Civ aggiornati allo scorso novembre 2020 e ripresi dal quotidiano La Repubblica, sono infatti 1,2 milioni le persone che risultano ancora in attesa di un riscontro in merito al proprio emolumento Inps dopo la grave crisi sanitaria ed economica scatenata dal Covid.

Il riferimento va a circa 200.000 pratiche che sarebbero ancora in giacenza presso l’ente pubblico di previdenza. Dati che risultano in aggiornamento, ma sull’esito pendono anche ulteriori 365mila pratiche relative al mese di dicembre e che coinvolgerebbero circa 2 milioni di lavoratori. Il dato è relativo a tutte le richieste inviate presso l’Inps a partire dall’approvazione del Cura Italia dello scorso marzo 2020.

Cassa integrazione e pagamenti Inps: l’evidenza presente nelle tabelle del Civ

L’organo di vigilanza dell’Inps (Civ) ha fatto il punto della situazione all’interno di una tabella approvata lo scorso 29 dicembre 2020. La documentazione è relativa al bilancio preventivo annuale dell’ente pubblico per il 2021. Secondo quanto indicato, il numero esatto delle domande in giacenza al 30 novembre corrisponde a 198941, con un coinvolgimento potenziale di circa 1,2 milioni di lavoratori.

Circa due domande su tre di cassa integrazione sono comunque recenti e riferibili al mese di novembre 2020. Un terzo riguarda invece i mesi passati. In particolare, 338 risalgono a marzo, 5338 ad aprile, 12188 a maggio, 5748 a giugno, 13490 a luglio, 5449 ad agosto, 7148 a settembre e 13888 al mese di ottobre 2020. All’interno delle pratiche in attesa di riscontro vi sono domande di accesso alla cassa integrazione Covid ancora non analizzate.