Cashback 2021: le regole dal 1° gennaio

Appena terminato il periodo dell’Extra Cashback di Natale in vigore dall’8 al 31 dicembre, dal 1° gennaio 2021 è iniziato il Cashback ordinario. Vediamo quali sono le novità.

Dall’8 al 31 dicembre 2020 abbiamo vissuto l’Extra Cashback di Natale che consisteva in rimborsi del 10% fino a 150 euro con un minimo di 10 acquisti effettuati utilizzando metodi di pagamento digitali.

Non appena terminata questa fase preliminare, ha preso il via il Cashback ordinario con le regole previste all’interno del decreto attuativo del Piano Italia Cashless. Scopriamo quali sono le regole per il Cashback valide fino al 30 giugno del 2022.

Cashback: le novità da gennaio 2021

Il Cashback iniziato il 1° gennaio 2021 ha regole differenti rispetto a quello di Natale da poco terminato. Questo secondo ciclo di rimborsi porta con sé cambiamenti per raggiungere il rimborso del 10% pagando i propri acquisti con carte di credito, carte di debito, carte prepagate, bancomat e applicazioni mobile.

La prima novità riguarda il periodo di riferimento che passa da mensile a semestrale, di conseguenza per ottenere lo stesso importo del rimborso di dicembre saranno quindi necessari sei mesi anziché uno solo. Il Governo ha programmato tre fasi della durata di sei mesi ciascuna, esse vanno:

  • dal 1° gennaio 2021 al 30 giugno 2021
  • dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2021
  • dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022

Cashback 2021i dettagli

In ogni semestre i cittadini potranno ottenere rimborsi pari al 10% calcolato sul valore totale degli acquisti effettuati nel periodo di riferimento. Durante i sei mesi i consumatori dovranno effettuare almeno 50 transazioni per beneficare del cashback. Il tetto massimo rimborsabile per ogni acquisto è di 150 euro e quindi comprando beni o servizi dal prezzo maggiore porteranno un rimborso sempre pari a 15 euro (ossia il 10% di 150 euro).

In ogni semestre il tetto massimo di rimborso è di 1.500 euro. Ricordiamo che non ci sono limiti minimi di spesa per ogni singola transazione, questo significa che è possibile richiedere il rimborso anche solo per spese da 1 euro (sempre che i negozianti accettino pagamenti elettronici per importi così piccoli). L’importo massimo erogabile a ogni cittadino è di 1.750 euro ogni semestre (ossia 3.300 euro all’anno).

È previsto anche un bonus ulteriore per i 100mila iscritti che in ogni semestre avranno effettuato il maggior numero di transazioni pagando attraverso metodi elettronici e tracciabili. Queste persone otterranno un Super Cashback di 1.500 euro. Attraverso l’AppIO è possibile verificare in qualsiasi momento la propria posizione in classifica, questa applicazione risulta infatti essenziale per chi partecipa al Cashback di Stato nonostante i disservizi iniziali durante la fase sperimentale del Cashback di Natale.

Procedura di rimborso

Il rimborso avverrà sull’Iban inserito in fase di registrazione entro 60 giorni dal termine di ogni semestre, infatti le procedure di rimborso restano le stesse rispetto a quelle del Cashback di dicembre. Di conseguenza l’erogazione avverrà:

  • per il primo semestre entro agosto 2021
  • per il secondo semestre entro febbraio 2022
  • per il terzo semestre entro agosto 2022