Cartelle esattoriali: riprendono le notifiche e i pagamenti dal 1° maggio 2021

Cartelle esattoriali: riprendono le notifiche e i pagamenti dal 1° maggio 2021

A partire dal 1° maggio 2021 riprenderanno le notifiche e i pagamenti delle cartelle esattoriali dopo il periodo di sospensione. Gli atti congelati sono 35 milioni e da tale date verranno notificati ai contribuenti.

Dal 1° maggio 2021 riprenderà la notificazione degli atti che erano stati congelati in questi ultimi mesi a causa della pandemia di Covid-19. Si tratta per la precisione di 35 milioni di atti che sono stati sospesi a seguito di quanto disposto dal Decreto Sostegni. Allo stesso tempo sarà anche necessario pagare le rate scadute di tutti i pagamenti che sono stati sospesi a partire dall’8 marzo 2020 fino ad oggi.

La data entro cui sarà necessario essere in pari con i pagamenti è il 31 maggio 2021. In realtà ancora non si sa se ci saranno delle proroghe o meno. Tutto tace in merito e si resta in attesa del Decreto Sostegni Bis per avere chiaro come andranno le cose riguardo l’attività di riscossione dell’Agenzia delle Entrate.

Cartelle esattoriali: dal 1° maggio 2021 pagamenti e notifiche

Dall’8 marzo 2020 i numerosi provvedimenti emanati per via dell’emergenza di Covid-19 hanno bloccato l’attività di riscossione dell’Agenzia delle Entrate. In ordine di tempo l’ultimo provvedimento a congelare tale attività del Fisco è stato il Decreto Sostegni. Fino ad oggi sono circa 35 milioni le cartelle esattoriali che si sono accumulate nel corso dei mesi. Si tratta di un numero molto elevato che darà certamente del lavoro da fare all’Agenzia non appena verrà dato il via ai controlli suoi pagamenti e alle notifiche.

La sospensione è comunque arrivata alla fine se non ci saranno delle deroghe. Il Decreto Sostegni infatti ha stabilito il congelamento delle cartelle esattoriali esclusivamente fino al 30 aprile 2021. A partire dal 1° maggio 2021 partiranno quindi le procedure di invio di tali atti.

Si comprende quindi che a partire dal mese di maggio riprenderanno le procedure di riscossione, cautelai ed esecutive, dell’Agenzia delle Entrate. Di conseguenza torneranno anche i pignoramenti su pensioni e stipendi. Chiaramente tutto questo avverrà solo nel caso in cui il Decreto Sostegni Bis non dovesse contenere una proroga al congelamento delle cartelle esattoriali.

Sospensione pagamenti: stop il 31 maggio 2021

Alla fine del mese di maggio 2021 scadrà anche la sospensione dei pagamenti. Entro il 31 maggio sarà quindi necessario versare le rate in quanto queste verranno controllate. Dall’8 marzo 2020 infatti sono stati sospesi anche i pagamenti delle cartelle, degli avvisi di debito e degli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate Riscossione.

La scadenza entro cui pagare le rate sospese è fissata per il 31 maggio 2021. Anche in questo caso non è chiaro se ci sarà una deroga alla sospensione in quanto si attende il Decreto Ristori Bis per fare chiarezza in merito. Di conseguenza è consigliato cercare di mettersi in pari con i pagamenti in modo da non andare incontro a problemi. Nel caso in cui fosse un problema pagare l’intero importo in una sola volta, c’è la possibilità di richiedere la rateizzazione per pagare a rate.

Leggi anche: Controlli del Fisco in arrivo: ecco chi rischia