Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Animali - Bonus

Bonus per mantenere il cane: ecco chi lo può richiedere

Il cane non è solo un animale da compagnia, infatti per i non vedenti risulta essenziale possederne uno. Per tale motivo esistono due differenti agevolazioni per chi acquista un cane guida.

Da sempre il cane è considerato il migliore amico dell’uomo, ma per alcune persone la sua presenza è fondamentale. Chi ha specifiche patologie invalidanti come ad esempio la cecità assoluta o parziale può richiedere un bonus utile per mantenere il proprio cane. In realtà le agevolazioni fiscali per chi ha un cane guida sono due e sono state previste dalla circolare n. 19/E.

Al momento di compilare la dichiarazione dei redditi, queste specifiche categorie di cittadini hanno quindi la possibilità di ottenere un’agevolazione per mantenere oppure per acquistare un cane guida. Vediamo nel dettaglio in cosa consistono e quando possono essere fruiti i due bonus di cui abbiamo appena parlato.

Bonus per il cane guida: i dettagli

I bonus proposti dal Governo italiano sono davvero numerosi, tra questi c’è anche la possibilità di richiedere un’agevolazione per l’acquisto e per il mantenimento dei cani guida. Chiaramente questo bonus può essere richiesto dai contribuenti a cui è stato riconosciuto lo status di non vedente e che risultano quindi essere invalidi civili.

Le caratteristiche di coloro che possono richiedere l’agevolazione sono indicate con precisione nella circolare n. 19/E dell’Agenzia delle Entrate. In questa circolare viene spiegato che gli unici soggetti che possono avvalersi del bonus per il cane guida sono coloro che risultano non vedenti stando a quanto indicato agli articoli 2, 3 e 4 della Legge n. 138/2001.

L’agevolazione non è solo una, infatti esistono due bonus distinti. Il primo consiste in una detrazione IRPEF nei confronti delle spese effettuate per acquistare un cane guida, il secondo invece consiste in un vero e proprio bonus fiscale utile per dare una mano dal punto di vista per quanto riguarda le spese di mantenimento dell’animale.

Per poter riceve il bonus fiscale relativo al mantenimento, non è necessario documentare tutte le spese: chiaramente chi possiede un cane guida deve anche provvedere al suo mantenimento e di conseguenza le spese vanno effettuate sicuramente.

Per il mantenimento del cane guida, i soggetti non vedenti riceveranno un bonus di 1.000 euro. Ricordiamo che questa agevolazione deve essere richiesta direttamente dal soggetto non vedente. Per essere accettata, la domanda non può quindi essere presentata da un familiare che ha a carico il non vedente.

Spese veterinarie detraibili per gli animali domestici

Nella Legge di Bilancio 2021 è contenuta anche un altro aiuto per coloro che possiedono animali domestici. A partire da quest’anno infatti è stata aumentata la somma della detrazione sulle spese effettuate per curare il proprio animale dal veterinario.

Chi possiede un cane o un gatto può ottenere un bonus fiscale che arriva a 80 euro grazie alla detrazione IRPEF pari al 19% dell’importo speso. Questo denaro si può ottenere nell’eventualità in cui il padrone abbia dovuto affrontare delle specifiche spese sanitarie per migliorare la salute del proprio animale domestico.