Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Bonus - Mamme

Bonus mamme disoccupate: ecco di cosa si tratta

Le mamme disoccupate o casalinghe hanno diritto a un bonus erogato dai Comuni. Scopriamo chi può richiederlo e quali sono gli importi.

Le mamme disoccupate o casalinghe chiaramente non hanno diritto ai contributi assegnati dall’INPS come ad esempio l’Assegno per il Nucleo Familiare che, lo ricordiamo, può essere richiesto dai lavoratori dipendenti.

In aiuto di queste donne arriva però il bonus mamme disoccupate che viene riconosciuto alle donne casalinghe o comunque che non stanno lavorando. Questo aiuto economico è erogato dal Comune e riconosciuto dall’INPS ai sensi dell’Articolo 66 Legge n. 448/98.

Bonus mamme disoccupate: tutti i dettagli

Tra le misure nate per aiutare le donne disoccupate che hanno figli c’è anche il bonus mamme disoccupate. Questo viene istruito dal Comune e riconosciuto dall’INPS. Proprio l’Istituto pubblica ogni anno le tabelle con i nuovi limiti di reddito ISEE e gli importi per l’anno in questione. Attraverso un comunicato del Presidente del Consiglio reso noto in data 12 febbraio 2021, si è reso noto che il valore ISEE massimo è di 17.416,66 euro e l’assegno massimo erogabile ammonta a 1.740, 60 euro.

Per poter ottenere questo aiuto economico del Comune è necessario che la mamma sia disoccupata o inoccupata come nel caso di madri casalinghe che non lavorano. Queste non devono avere nessuna prestazione a sostegno del reddito, quindi ad esempio non devono sfruttare la Naspi.

Le donne inoltre non devono aver versato più di tre mesi di contributi nel corso degli ultimi 18 mesi. Ricordiamo che per fruire di questo beneficio l’ISEE deve essere uguale o minore a 17.416,66 euro. Per richiedere il bonus è necessario che nella famiglia sia nato un nuovo figlio oppure che ci sia stata un affidamento o un’adozione.

L’importo del bonus in questione è riservato alle madri senza lavoro ed è di 348,12 euro al mese per cinque mesi. Il totale quindi è di 1.740,60 euro per ogni donna che ne ha diritto. La somma spettante viene erogata direttamente nel conto bancario che viene indicato all’interno della domanda.

Come richiedere il bonus mamme disoccupate

La domanda per il bonus mamme disoccupate deve essere presentata presso l’ufficio di protocollo del Comune in cui si risiede. Questa richiesta deve essere consegnata entro 6 mesi dall’entrata in famiglia di un nuovo bambino (nascita di un bebè, affido o adozione). È necessario dimostrare il proprio ISEE attraverso il modello aggiornato.

Tra i documenti che devono essere allegati alla domanda ci sono la dichiarazione sostitutiva unica per l’ISEE e l’autocertificazione di cittadinanza in cui si dichiara che non si è titolari di maternità erogata dall’Inps. Le donne non comunitarie devono presentare la carta di soggiorno per dimostrare di essere completamente in regola.

Quando si fa la domanda per il bonus è necessario anche allegare la copia della tessera sanitaria del bambino o della bambina che sono entrati nella famiglia e il suo certificato di nascita del Comune di residenza. È anche necessario allegare l’attestazione della Banca e il Codice IBAN in cui si vuole ricevere il denaro.