Bonus mamme con figli disabili: le novità contenute nella Legge di Bilancio 2021

Bonus mamme con figli disabili: le novità contenute nella Legge di Bilancio 2021

All’interno della Legge di Bilancio 2021 ci sono nuovi strumenti per il sostegno delle mamme con figli disabili. Il bonus sarà di 500 euro al mese e verrà erogato per tre anni.

La Legge di Bilancio 2021 prevede un’importante novità per le mamme con figli disabili, in particolare si tratta di un bonus economico volto ad aiutare questi particolari nuclei famigliari. Il contributo massimo sarà di 500 euro al mese e verrà riconosciuto dal 2021 al 2023. Si tratta di una misura di sostegno prevista esclusivamente per chi possiede specifici requisiti sia legati alla madre che al figlio disabile. Scopriamo i dettagli del bonus mamme con figli disabili.

Bonus mamme con figli disabili: i dettagli

La Legge di Bilancio 2021 prevede lo stanziamento un totale di 5 milioni di euro ogni anno per il triennio 2021-2023. Nello specifico, i requisiti previsti per l’accesso al bonus per le madri con figli disabili sono specificati al comma 365, articolo 1, della Legge di Bilancio 2021. Il contributo di 500 euro mensili per tre anni sarà riservato alle mamme in possesso allo stesso tempo di tutti i seguenti requisiti:

  • Disoccupate o monoreddito
  • Appartenenti a nuclei familiari monoparentali
  • Con figli a carico che hanno una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%

Di conseguenza le misure in questioni sono destinate alle famiglie formate da un solo genitore che hanno un figlio disabile. Lo scopo di questo sostegno economico è quello di aiutare le mamma che non hanno un lavoro oppure che hanno un solo reddito con cui pagare tutte le necessità destinate al proprio figlio con una disabilità accertata pari almeno al 60%.

L’importo massimo che queste donne potranno ricevere sarà di 500 euro al mese, ma il bonus realmente riconosciuto dipenderà da specifici requisiti che consentiranno di calcolare la somma spettante saranno definiti con apposito decreto attuativo del Ministero del Lavoro, di concerto con il MEF. Il decreto dovrà individuare e stabilire i criteri per l’individuazione dei beneficiari, le modalità di presentazione delle domande di contributo e di erogazione dello stesso. Questo è atteso entro 60 giorni dal varo della Legge di Bilancio 2021.

Novità anche per le mamme lavoratrici

Nella Legge di Bilancio 2021 ci saranno anche importanti novità per le neo mamme, infatti è stato approvato un provvedimento in favore del rientro al lavoro delle mamme lavoratrici. Il Fondo per le politiche della famiglia verrà quindi incrementato di 50 milioni di euro per favorire il sostegno delle misure organizzative impiegate dalle imprese per favorire il rientro a lavoro delle madri dopo il parto.

Anche in questo caso le modalità attuative per l’attribuzione delle risorse economiche verranno con decreto del ministero della Famiglia, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, previa intesa in sede di Conferenza unificata.

Grazie a queste novità e anche all’incremento del numero di giorni di congedo parentale per i papà (passeranno da 7 a 10 il prossimo anno), il Governo vuole permettere a chiunque di non scegliere tra famiglia e lavoro dedicando ad entrambe il tempo necessario.