Bonus lavoratori dello spettacolo: a quanto ammonta attualmente?

Bonus lavoratori dello spettacolo: a quanto ammonta attualmente?

Tra coloro che hanno subito maggiormente la crisi economica legata alle chiusure per prevenire i contagi del Covid-19 ci sono sicuramente i lavoratori dello spettacolo. Vediamo quali sono i dettagli del bonus che il Governo ha pensato per loro.

Il Governo italiano ha provveduto nel corso del tempo ad aiutare dal punto di vista economico i lavoratori dei settori più colpiti dalle chiusure legate alle restrizioni legate alla pandemia Covid-19. Oltre alle misure per il turismo e ai bonus per i collaboratori sportivi, esiste anche un bonus per i lavoratori dello spettacolo. Vediamo come si è evoluto nel tempo a partire dall’inizio della pandemia a marzo 2020 fino ad oggi.

Bonus per i lavoratori dello spettacolo: i dettagli

A partire da marzo 2020, i lavoratori dello spettacolo hanno potuto fruire di alcune indennità a causa del prolungarsi delle misure restrittive legate al Covid che gli hanno impedito di lavorare. I primi bonus erano di 600 euro, non soggetti ad imposizione fiscale. Per riceverli era necessario farne domanda e poi l’INSP avvisava dell’accredito direttamente sull’IBAN. Il Decreto Rilancio prevedeva poi che tutti coloro che già avevano fruito dell’indennità a marzo la ottenessero in modo automatico anche ad aprile.

Ricordiamo a marzo l’indennità riguardava solo i lavoratori dello spettacolo che erano iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo con non meno di 30 contributi giornalieri versati nel 2019 e il cui reddito per lo stesso anno non superasse i 50.000 euro. Ad aprile invece potevano accedere al bonus anche i lavoratori dello spettacolo con 7 contributi giornalieri versati nel 2019 e il cui reddito per lo stesso anno non superasse i 35.000 euro. Il bonus di maggio per i lavoratori dello spettacolo ha continuato ad essere di 600 euro nonostante molti settori ricevevano 1.000 euro al mese. Per avere questa indennità, gli artisti dovevano avere le medesime condizioni di aprile.

Il periodo estivo, dalla metà di giugno, ha visto la riapertura delle attività culturali e di numerosi festival. Queste sono avvenute soprattutto all’aperto e hanno permesso al pubblico di vedere questi spettacoli in sicurezza grazie alle mascherine e alla distanza sociale. In particolare, dal 15 giugno al 10 ottobre i lavoratori dello spettacolo hanno potuto lavorare.

Purtroppo però le speranze estive hanno di nuovo dovuto lasciare spazio alle incertezze dal mese di ottobre ad oggi. Con la circolare n. 125 del 28 ottobre 2020, i lavoratori dello spettacolo hanno potuto fare domanda per ottenere un bonus di 1.000 euro già introdotta con il Decreto Agosto. Anche in questo caso i criteri per ricevere l’indennità restano i medesimi spiegati in precedenza. Il Decreto Rilancio 4 vede poi confermato ancora il bonus da 1.000 euro anche per il mese di dicembre.

Bonus per i lavoratori dello spettacolo: cosa succede con il Decreto Ristori 5

Il Decreto Ristori 5 dovrebbe confermare il bonus da 1.000 euro per tutti coloro che lavorano nel mondo dello spettacolo. Anche artisti e personale tecnico dovrebbero quindi fruire di questo aiuto economico assolutamente fondamentale in questo periodo di pandemia.

Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ha fatto sapere che saranno erogati 50 milioni di euro in più per andare ad aumentare il Fondo unico dello spettacolo. Cambieranno anche i criteri per accedere al bonus e verranno modificati i requisiti in maniera tale da ampliare il numero delle persone che ne possono beneficiare.