Autore: Carmine Orlando

Ammortizzatori sociali - Bonus

Bonus edicole 2020: domande al via. Requisiti e come fare richiesta

Come richiedere e ottenere il contributo previsto dal DL Rilancio per gli edicolanti, come indennità Covid.

Sono molte le categorie di lavoratori che hanno potuto fare richiesta per ricevere un sostegno economico, spesso sotto forma di bonus, previsto dapprima dal decreto Cura Italia e poi dal decreto Rilancio del 19 maggio 2020. Finalmente, è arrivato il turno dei proprietari di edicole che, sempre a causa del lockdown e poi dalle restanti misure restrittive, hanno attraversato una fase critica dal punto di vista economico.

Bonus edicole: contributo da 500 euro

A partire da oggi, giovedì 1 ottobre 2020, gli edicolanti potranno fare richiesta per ricevere un bonus di 500 euro una tantum. Il decreto Rilancio ha permesso di mettere a disposizione un fondo di 7.000.000 euro, alle persone fisiche proprietari di punti vendita atti alla distribuzione di riviste e giornali. Nel caso in cui, gli importi delle richieste dovessero superare la cifra sopra indicata, il bonus verrà erogato in proporzionalmente a coloro che ne hanno diritto.

Come richiedere il bonus edicole

Gli edicolanti possono fare richiesta per il contributo di 500 euro una tantum come indennità Covid, presentandola al Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria fino al 30/10/2020. La domanda deve essere redatta dal titolare dell’edicola, o rappresentante legale, unicamente per via telematica, raggiungendo il portale impresainungiorno.gov.it. dove viene indicato l’iter da seguire. Si ricorda che l’accesso al sito deve avvenire tramite lo SPID o la Carta Nazionale dei Servizi CNS.L

Requisiti

I richiedenti del bonus edicole, devono essere in possesso dei seguenti requisti per accedervi:

  • L’attività dedicata alla vendita dei giornali e riviste deve essere registrata come attività primaria con il codice ATECO 47.62.10 e svolta da persona fisica sotto due forme: impresa individuale o socio di società di persone;
  • Chi effettua la richiesta non deve essere titolare di redditi da lavoro dipendente o redditi da pensione;
  • La sede legale dell’attività suddetta deve essere in uno Stato della UE o nello Spazio Economico Europeo;

L’accredito del bonus edicole 500 euro, avverrà direttamente sul conto corrente del richiedente che ne ha diritto, e non concorrerà alla formazione del reddito. Entro il 29/11/2020 sarà pubblicato sul sito del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, la lista degli eventi diritto al contributo, corredato dell’importo relativo per ognuno dei richiedenti.

Per approfondire consigliamo anche la lettura di: Bonus 500 euro PC, tablet e internet: come funziona