Autore: B.A

Bonus

Bonus bici, partono i rimborsi dal 4 novembre

Via alle istanze per il bonus bici dopo la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale.

Scatta dal prossimo 4 novembre il cosiddetto bonus mobilità, meglio conosciuto come bonus bici. Sarà a partire da quella data che sul portale ufficiale del Ministero dell’Ambiente, sarà attiva la procedura per richiedere il bonus come previsto dal governo. Un bonus introdotto dal governo durante la grave emergenza epidemiologica per il coronavirus. La notizia è molto importante perché da la data precisa a partire dalla quale anche chi ha già acquistato il mezzo, potrà chiedere il rimborso previsto dal bonus.

Bonus bici al via dal 4 novembre, ecco le informazioni utili

Il via alla procedura di richiesta per il bonus bici permetterà anche a chi ha già acquistato una bici o un monopattino di richiedere il rimborso spettante con questa particolare misura. Al riguardo va detto che il rimborso previsto è fino al 60% della spesa sostenuta. Per chi invece non ha ancora provveduto all’acquisto, con la medesima procedura si avrà diritto a ricevere un bonus spendibile in u negozio che vende bici e monopattini.

Il bonus funziona fino ad esaurimento risorse e quindi i voucher per l’acquisto di questi strumenti potrebbero non essere sufficienti per tutti. Tutto dipenderà dal numero di richieste che arriveranno. Lo stanziamento del governo è di 140 milioni di euro, a cui da ottobre potrebbero aggiungersi altri 70 milioni provenienti dall’assestamento di bilancio del Ministero dell’Ambiente.

In Gazzetta il decreto che da il via libera al bonus

Il decreto attuativo era l’atto necessario affinché l’operazione bonus mobilità prendesse il via. E dopo la pubblicazione in Gazzetta di questo decreto, a partire dal prossimo 4 novembre si potrà richiedere il bonus bici, che oltre alla bicicletta classica, permetterà di acquistare una bici a pedalata assistita, un monopattino o un hoverboard.

È stata chiarita già la procedura da utilizzare sul portale del Ministero dell’Ambiente a cui per poter partecipare al bonus, occorrerà prima registrarsi. Per gli acquisti già fatti occorrerà caricare la fattura o lo scontrino. Il rimborso previsto come detto in precedenza, potrà essere fino al 60% della spesa sostenuta per l’acquisto, quella riportata sullo scontrino o sulla fattura. Il tetto massimo comunque non potrà eccedere il limite di 500 euro di rimborso.

Chi non ha ancora acquistato il mezzo potrà invece richiedere il buono sempre attraverso il portale e per completare la richiesta avrà tempo fino alla fine del 2020. Per chi otterrà il voucher, ci sarà tempo 30 giorni per spenderlo, cioè per completare l’acquisto.

Il bonus, anche se non prevede limiti reddituali o limiti Isee, ha delle condizioni da rispettare. Infatti il beneficio è appannaggio di tutti i soggetti con 18 anni di età compiuti, ma residenti in un capoluogo di provincia o di Regione, in una città metropolitana o in un qualsiasi Comune dello stivale, che abbia almeno 50mila abitanti.