Bonus assunzioni donne: tutti i dettagli della misura

Bonus assunzioni donne: tutti i dettagli della misura

Il bonus assunzioni donne è nato allo scopo di incentivare l’occupazione femminile. Scopriamo tutti i dettagli su questa agevolazione economica.

Il bonus assunzioni donne è nato allo scopo di agevolare l’occupazione femminile in un momento così complesso per il mondo del lavoro in generale. Questa categoria di soggetti è, insieme ai giovani, quella che fatica di più a farsi largo nel mondo del lavoro e proprio per questo motivo lo Stato ha decido di concedere delle agevolazioni fiscali ai datori di lavoro tramite bonus per le assunzioni di giovani e donne nel corso del 2021. Vediamo nel dettaglio quando i datori di lavoro possono richiedere l’agevolazione per l’assunzione di personale femminile.

Bonus assunzioni donne: quando si può richiedere?

Il bonus assunzioni donne è concesso ai datori di lavoro che assumono donne che hanno alcune specifiche caratteristiche. Le donne assunte devono infatti avere almeno 50 anni di età e devono essere disoccupate da almeno un anno. Nel caso in cui risultino senza lavoro da più di due anni, queste donne possono avere qualsiasi età.

In alternativa è richiedibile anche nel caso in cui le donne devono risiedano nelle Regioni che possono accedere ai fondi strutturali promossi dall’Unione Europea: in questa eventualità non ci sono dei limiti d’età. Le donne che lavorano nei settori economici caratterizzati da una evidente disparità di genere e che non lavorano da sei mesi possono essere assunte senza vincoli di età ottenendo il bonus.

Coloro che possono richiedere il bonus sono quindi i datori di lavoro privati che assumono donne lavoratrici delle categorie specificate poco sopra. Le assunzioni devono essere fatte nel biennio 2021-2022 per poter fruire dell’agevolazione in questione. Tra i datori di lavoro che possono fruire del bonus anche quelli del settore agricolo e quelli che appartengono ad alcune specifiche categorie elencate all’interno della circolare dell’INPS.

Il bonus è richiedibile nel caso di assunzioni a con contratto a tempo determinato e assunzioni con contratto a tempo indeterminato. Inoltre si può richiedere anche nel caso di trasformazione di un contratto precedente in uno a tempo determinato o nell’eventualità di proroga di un contratto determinato. Tali agevolazioni sono richiedibili anche nel caso si assuma una donna con un contratto part-time. Non rientrano invece nel bonus i contratti di intermittente, domestico, occasionale ed apprendistato.

Importo e durata del bonus assunzioni donne 2021

Il bonus assunzioni donne è una decontribuzione del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro. Questa agevolazione viene concessa per massimo 6.000 euro all’anno e la durata del beneficio varia a seconda di alcuni fattori.

È possibile fruire di 12 mesi di agevolazione nel caso in cui la donna venga assunta tramite un contratto di lavoro a tempo determinato oppure nel caso in cui un contratto determinato venga prorogato per altri mesi. Il tempo in cui è possibile sfruttare il bonus diventa di 18 mesi nel caso di assunzioni a tempo indeterminato oppure nel caso in cui con contratto determinato venga trasformato in indeterminato.

Leggi anche: Bonus over 50: quando assumere 50enni conviene