Autore: Giacomo Mazzarella

Voucher

Bonus PC ultimi aggiornamenti, tutto tramite Infratel, cosa significa?

Le ultime novità su come richiedere il voucher e la gestione da parte di Infratel Italia

Dovrebbe partire il 20 settembre, questo quanto si sa ad oggi circa il Bonus Pc, Tablet e Internet. Il prossimo 20 settembre sarà il giorno a partire dal quale si potranno presentare le domande per questo incentivo volto ad azzerare il gap digitale delle famiglie italiane, un problema manifestatosi in tutta la sua gravità durante il lockdown e la conseguente chiusura delle scuole che hanno costretto alla didattica a distanza gli studenti. In questa ottica nasce il voucher che potrebbe consentire a famiglie meno abbienti di dotarsi di strumenti informatici, a partire dalla connessione internet e fino al Personal computer o al tablet. E le ultime indicazioni danno Infratel Italia come gestione del bonus.

Il bonus Pc e internet tramite Infratel

Ormai manca poco al via delle domande per il bonus per Pc e Internet, sempre che venga rispettata la data di avvio prevista per il 20 settembre. E iniziano a trapelare le prime informazioni utili e da utilizzare nel momento in cui si inizierà a presentare domanda.

Sarà Infratel Italia a gestire le richieste che dovranno essere inviate all’ente direttamente dalle società di telecomunicazioni. In pratica il bonus Pc e internet messo a disposizione dal governo per colmare il divario digitale avrà un meccanismo del tutto particolare per espletare tutte le procedure.

A gestire i bonus Pc e internet sarà Infratel Italia, società pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico e del gruppo Invitalia. Per chi è interessato al bonus, al momento si sa che non dovrebbe essere necessaria alcuna registrazione, dal momento che saranno gli operatori di telecomunicazioni che dovranno registrarsi sul sito dell’ente per attivare il servizio. I richiedenti il bonus dovranno interfacciarsi direttamente con gli operatori di telecomunicazioni.

Il bonus Pc in sintesi

Il bonus verrà erogato tramite un voucher che sarà richiesto proprio agli operatori delle telecomunicazioni. Per la misura c’è una dotazione di 200 milioni di euro e servirà per l’acquisto di connessioni, di tablet e Pc. Platea di famiglie destinatarie del bonus circa 2,2 milioni tutte a reddito basso. Il voucher varia a seconda della fascia di reddito in cui si è inseriti. Nello specifico sono previsti:

  • 500€ (200€ per la connettività ad internet più 300€ per internet e PC in comodato d’uso) per le famiglie con ISEE fino a 20 mila euro;
  • 200€ per connettività internet da almeno 30 Mbps per le famiglie con ISEE fino a 50 mila euro.

Quindi, necessario un Isee in corso di validità che deve essere entro i 20.000 euro o entro i 50.000 euro. Si parla di Pc o tablet in comodato d’uso e su questo occorre aspettare le istruzioni ufficiali dal momento che inizialmente si pensava a computer da completare che potevano diventare di proprietà del richiedente. Ad oggi quindi ancora molto sono gli aspetti oscuri della misura.