Autore: B.A

Bonus

Bonus PC e Internet in Gazzetta, come si riceve

Ecco la guida alla misura che ieri è diventata legge e che si può richiedere.

È esattamente come da giorni di diceva e cioè il bonus PC e internet non da alcun voucher spendibile in un qualsiasi negozio nemmeno per chi ha già una connessione veloce e vorrebbe solo il PC. Il bonus PC è diventato legge dopo la pubblicazione in Gazzetta è quindi è diventato ufficiale il suo meccanismo. Ecco una sintetica guida alla misura, che prevede il passaggio tramite operatore come previsto, ma non il device in comodato d’uso, ma ricevuto in proprietà.

Via al bonus PC e internet, ma non è come lo si immaginava

Ieri primo ottobre, il bonus PC e Internet è diventato legge e si può partire con le richieste. La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale di quello che probabilmente era il bonus più atteso dalle famiglie ha quindi la sua ufficialità.
La misura nasce dalla volontà del governo di ridurre il gap digitale tra famiglie che si è manifestato in tutta la sua evidenza durante il lockdkwn, con le scuole chiuse e i ragazzi alle prese con le lezioni da casa, via internet e dal PC, con la cosiddetta Didattica a distanza (Did).
Ma il bonus non sarà come molti se lo immaginavo quando si iniziò a parlarne. Sarà un voucher, ma non un buono da spendere liberamente in un qualsiasi negozio per ottenere un computer o un tablet.

Il Bonus PC e Internet sarà erogato con un voucher del valore di 500 euro e sarà compatibile per l’acquisto di un tablet o un PC se abbinati a un contratto di rete fissa per la connessione a internet. Infatti dei 500 euro, 300 sono per il device e 200 per la connessione internet veloce. Alla luce di tutto ciò, bisogna presentare domanda ad una compagnia telefonica e di servizi internet, che provvederà all’istallazione della rete internet per il richiedente e a fornire il terminale, che sia PC o tablet.

PC in comodato d’uso o no?

Ciò che si legge in Gazzetta Ufficiale è piuttosto chiaro. Infatti il bonus da 500 euro sarà erogato «sotto forma di sconto, sul prezzo di vendita dei canoni di connessione ad internet in banda ultra larga per un periodo di almeno dodici mesi e, ove presenti, dei relativi servizi di attivazione, nonché per la fornitura dei relativi dispositivi elettronici (CPE) e di un tablet o un personal computer». Questo ciò che letteralmente si legge sulla Gazzetta Ufficiale.

Lo sconto, fino ad un massimo di 500 euro potrà essere usato per coloro che acquistano il tablet o PC abbinandolo a un contratto per la fornitura di servizi di connessione ad almeno 30 Mbps in download. Quindi, la misura si rivolge a famiglie prive di contratto di connettività ad Internet, o titolari di un contratto con velocità in download inferiore ai 30 Mbps. Non è vero quindi che il PC o il tablet sarà assegnato in comodato d’uso alla famiglia.

I dispositivi vengono regolarmente acquistati e rimangono al compratore, che poi è il beneficiario del bonus, che però ha l’obbligo di 12 mesi di permanenza con l’operatore a cui ha chiesto l’incentivo.

Conferma anche per i requisiti, con il bonus che sarà erogato a famiglie con Isee inferiori ai 20.000 euro.

La richiesta del bonus sarà gestita da Infratel, e sarà con questa società che gli operatori telefonici dovranno proporre le loro offerte. Per presentare la domanda saranno necessari un documento d’identità del richiedente e la dichiarazione Isee in corso di validità.