Autore: Stefano Calicchio

Ammortizzatori sociali

Bonus 600 euro anche ai professionisti iscritti ad un Ordine con cassa: ecco a chi spetta dopo la conferma del governo

Le ultime dichiarazioni in arrivo dalla Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo confermano che il bonus 600 euro continuerà ad essere erogato anche in favore dei professionisti con cassa. Resta invece l’esclusione dai contributi a fondo perduto.

Tra i lavoratori che hanno potuto beneficiare della prima rata del bonus 600 euro ci sono stati anche i liberi professionisti iscritti ad un Ordine. In questo caso, il meccanismo di sostegno non è stato però erogato dall’Inps, ma dalla propria cassa autonoma di riferimento, che ha provveduto all’erogazione in attesa di ricevere dallo Stato i fondi destinati alla relativa copertura.

Con il decreto Rilancio sono state quindi assicurate le nuove rate dell’indennità per ulteriori due mensilità, ovvero in relazione ai mesi di aprile e maggio. Un sussidio di welfare che verrà riconosciuto anche per gli iscritti ad un Ordine. A confermarlo è stata nelle scorse ore la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, dopo che un errore formale contenuto all’interno del decreto rischiava di sancirne l’esclusione.

Il problema dell’erogazione del Bonus 600 euro per gli iscritti all’Ordine

Nella pratica, all’interno del testo del decreto si evidenziava l’esclusione dei professionisti con cassa che avevano già ricevuto la prima tranche del bonus 600 euro tramite quanto previsto all’interno del decreto Cura Italia. Se tale presupposto fosse stato confermato, di fatto si sarebbe arrivati al blocco dell’erogazione per tutti gli iscritti ad un Ordine.

Una palese ingiustizia che avrebbe coinvolto circa 500mila professionisti, i quali già non possono beneficiare degli stessi meccanismi di tutela rispetto ai contributi a fondo perduto e che ora si sarebbero visti escludere anche dall’erogazione del bonus. Non sorprende che l’eventualità abbia scatenato le proteste dei diversi Ordini, portando ad una presa di posizione chiarificatrice da parte del Ministero del Lavoro.

Catalfo (MdL): il bonus 600 euro verrà erogato anche agli iscritti all’Ordine

Sul punto è quindi intervenuta tramite una diretta Facebook la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, spiegando che “il bonus di 600 euro per i professionisti iscritti alle casse di previdenza privata che l’hanno già percepito a marzo verrà erogato anche per i mesi di aprile e maggio”.

Secondo quanto evidenziato dall’esponente del governo, “l’art. 44 del Decreto Cura Italia conteneva, infatti, anche le risorse per le indennità di lavoratori stagionali, intermittenti, prestatori d’opera, lavoratori porta a porta che nel Decreto Rilancio sono stati inseriti in un’altra norma (art. 78)”.

A questo punto non resta quindi che attendere l’arrivo del decreto interministeriale necessario per poter dotare le casse delle risorse utili al pagamento delle nuove tranche relative al bonus 600 euro. Un passaggio che secondo la Ministra Catalfo si completerà nei prossimi giorni e che permetterà quindi anche alle casse di procedere con l’erogazione dei primi pagamenti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, con il Coronavirus crolla il Pil e gli assegni si riducono fino al 3%

Professionisti con cassa esclusi dal contributo a fondo perduto

Le ultime dichiarazioni di conferma in arrivo dal governo rispetto al bonus 600 euro per professionisti sono certamente rassicuranti e rappresentano un passaggio indispensabile per fare chiarezza sul punto, anche considerando il già citato problema del mancato accesso ai contributi a fondo perduto previsto dal decreto rilancio.

Infatti, su quest’ultimo punto l’esecutivo non sembra voler dare seguito a ripensamenti. A motivare la decisione presa vi è il fatto che i fondi sono destinati ad aziende, mentre i professionisti agiscono nel mondo del lavoro come persone fisiche e non giuridiche. Questo principio ne ha quindi decretato l’esclusione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, pagamenti anticipati dal 26 maggio presso gli Uffici Postali