Autore: B.A

Coronavirus

Bonus 600 euro: la procedura passo a passo per richiedere l’indennità Covid-19

Come funzionerà la misura prevista dal decreto Cura Italia le cui domande scatteranno da mercoledì 1° aprile.

Ormai è iniziato il conto alla rovescia per quanto riguarda il bonus da 600 euro destinato a una piuttosto grande platea di lavoratori. Si tratta dei commercianti, degli artigiani, delle partite Iva, dei Co.Co.Co, degli stagionali del turismo e dell’agricoltura. La domanda potrà essere presentata sul sito Inps dal 1° aprile.

L’Inps ha sottolineato che non ci sarà alcun click-day e questo è molto importante per evitare che tutti nello stesso giorno i 5 milioni circa di lavoratori a cui il bonus è destinato, vadano ad intasare il sito. Portale dell’Inps che però da già segnali di cedimento, perché da segnalazioni degli utenti, da stamattina l’accesso al sito dell’istituto è difficoltoso, probabilmente perché sono molti quelli che cercano informazioni ufficiali riguardo alla misura.

Iniziano anche ad arrivare i primi suggerimenti, che sono quelli di collegarsi di sera e presentare l’istanza non nelle ore di punta, proprio perché ci saranno sicuramente problemi di traffico sul sito che potrebbe avere qualche squilibrio. Tra l’altro da giorni l’Inps ha più volte espresso il concetto che la procedura è semplificata, che non ci saranno particolari adempimenti da rispettare per presentare domanda. La procedura quindi è ormai chiara. Ecco tutto ciò che bisogna sapere.

Bonus 600 euro per chi è?

Scatterà mercoledì 1° aprile la possibilità di presentare domanda presentare domanda all’Inps per il bonus 600 euro destinato ai possessori di partita Iva, ai commercianti e ad altri lavoratori come previsto dal decreto «Cura Italia». La domanda necessita di credenziali di accesso. Queste sono il Pin dispositivo dell’Inps, lo Spid, la Carta Nazionale dei Servizi e il nuovo Pin semplificato Inps, che non è altro che il Pin classico che però funzionerà anche con i soli primi otto caratteri.

Infatti è risaputo che per ottenere il Pin dell’Inps, che po dovrà essere trasformato in Pin dispositivo, la procedura è piuttosto lunga. Occorre fare richiesta del Pin sul sito, che provvederà a rilasciare le prime 8 cifre del codice. Ma generalmente, con queste prime 8 cifre non si può avere accesso all’area riservata dell’Inps. Bisogna aggiungere le ulteriori otto cifre che arrivano all’utente per posta tramite raccomandata. Una volta in possesso delle 16 cifre, il Pin garantisce il primo accesso all’area My Inps dell’Istituto.

Al primo accesso il Pin viene cambiato automaticamente con uno più corto, da stampare e conservare, che sarà quello utile per gli accessi successivi. Ma si tratta solo di un Pin informativo, perché per poter presentare una qualsiasi delle varie istanze Inps, occorre trasformare, sempre dal sito, il Pin ordinario in uno dispositivo. Come è evidente, una procedura lunga e complessa, che l’Inps eccezionalmente ha deciso di sdoganare solo ed esclusivamente per le domande del bonus 600 euro. Basterà la prima richiesta di Pin e i primi 8 caratteri per accedere all’area destinata a presentare le domande del bonus 600 euro.

Bonus 600 euro, ecco la procedura

Ricapitolando, per la richiesta di bonus occorre presentare domanda sul sito Inps. Se si ha già il Pin dispositivo o un altra delle credenziali prima citate, queste bastano per poter presentare istanza. Se invece occorre richiedere il Pin, il sistema rilascerà le prime 8 cifre tramite email o Sms, giusto per confermare l’identità del richiedente. Potranno richiede il bonus:

  • I possessori di partita Iva purché attiva alla data del 23 febbraio 2020;
  • I lavoratori autonomi;
  • I lavoratori agricoli con minimo 50 giornate lavorate nel 2019;
  • Tutti gli iscritti alla Gestione separata Inps;
  • I Co.Co.Co;
  • I commercianti;
  • Gli artigiani;
  • I coloni;
  • I coltivatori diretti;
  • I mezzadri;
  • I coloni;
  • Gli stagionali del turismo che hanno avuto contratti tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020;
  • I lavoratori dello spettacolo con meno di 50.000 euro di reddito nel 2019
    Una volta ottenuto il Pin, come dicevamo, richiedibile sul sito dell’Istituto nella sezione «Richiedi Pin», sin potrà presentare domanda. Si entra in My Inps, che è l’area personale del sito, quella cui si può accedere solo con il Pin. Una volta autenticati, l’area da cliccare è quella denominata: Domande per prestazioni al sostegno del reddito. Tra tutte le varie domande disponibili occorre cliccare su quella denominata: Indennità Covid-19.