Bonus da 2.400 euro nel dl Sostegni: quando e a chi è destinato?

Bonus da 2.400 euro una tantum nel decreto Sostegni, si amplia la platea dei beneficiari: ecco chi potrà usufruirne.

Arrivano importanti novità per quanto riguarda il bonus da 2.400 euro, riservato a determinate categorie di lavoratori che hanno risentito maggiormente delle conseguenze dell’emergenza covid. Il bonus è inserito nel testo del nuovo decreto Sostegni insieme ad altri aiuti economici previsti per contrastare le difficoltà causate dalla pandemia.

Molti lavoratori, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, sono stati costretti a chiudere o a limitare lo svolgimento delle proprie attività con un conseguente calo di fatturato.

Decreto sostegni, bonus da 2.400 euro: come fare domanda?

In precedenza, l’Inps aveva già fornito delle indicazioni relative alla domanda per il bonus. In particolare, quelli che avevano già ricevuto l’indennità da 1000 euro grazie al decreto Ristori, non devono ripresentare domanda ma l’accredito verrà ricaricato automaticamente.

Per quanto riguarda, invece, i lavoratori che rientrano nelle categorie beneficiarie ma che non hanno percepito alcun sostegno negli ultimi mesi, potranno presentare, per via telematica, domanda all’Inps per poter usufruire del bonus.

Secondo alcune indiscrezioni, il bonus potrebbe essere distribuito già a partire dall’8 di aprile, tuttavia non si ha ancora la conferma sulla data esatta in cui verrà erogato il beneficio. Al momento, non sono stati ancora pubblicati i dettagli per quanto riguarda le modalità di domanda ma chi vorrà beneficiare del bonus, avrà tempo fino al 30 di aprile per farne richiesta.

Dunque, riepilogando, dovranno presentare domanda soltanto i lavoratori che sono in possesso dei requisiti richiesti e che, in precedenza, non hanno presentato alcuna domanda di bonus e che, di conseguenza, non hanno percepito alcuna indennità. Oppure, i lavoratori che non rientravano tra le categorie secondo il vecchio decreto ma che adesso rientrano tra quelle previste nel nuovo dl Sostegni.

Non sarà necessario, invece, presentare nuovamente domanda per i beneficiari che già percepivano l’indennità di bonus da 1000 euro, prevista dal dl Ristori, in quanto il beneficio verrà accreditato in automatico.

Bonus da 2.400 euro: ecco quali sono le categorie di lavoratori che potranno riceverlo

Secondo il nuovo decreto Sostegni, il bonus sarà dunque, un’indennità una tantum con un importo pari a 2.400 euro, distribuita alle categorie di lavoratori maggiormente colpite dall’emergenza covid e che rientrano tra i beneficiari del precedente decreto Ristori.

Grazie al nuovo decreto Sostegni, è stata anche allargata la platea di beneficiari che potranno ricevere l’indennità da 2.400 euro. In particolare, secondo quanto riporta “Skytg24”, verranno inclusi anche i lavoratori operanti in settori diversi dal turismo e verrà anche alzato il tetto massimo di reddito annuo dei lavoratori dello spettacolo, da 50 mila a 75 mila euro annui.

Il bonus sarà destinato a determinate categorie di lavoratori quali: lavoratori stagionali; lavoratori somministrati nel settore del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori intermittenti; lavoratori occasionali e autonomi; lavoratori che si occupano delle vendite a domicilio; lavoratori a tempo determinato operanti nel settore del turismo o in stabilimenti termali; lavoratori dipendenti appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e i lavoratori dello spettacolo.

Se un soggetto rientra in più di una categoria tra quelle sopraelencate il bonus da 2.400 euro verrà comunque pagato una sola volta mentre è cumulabile con l’assegno di invalidità. Importante ricordare anche che il bonus non è sottoposto ad alcuna tassazione in quanto non andrà ad incrementare la formazione del reddito ai fini fiscali.