Autore: Caterina Perna

Shopping

Black Friday: occhio al furto di dati personali, negli acquisti online

Black Friday, spese da record nel venerdì degli sconti, ma attenti alle frodi online.

È partita oggi, 29 novembre, la corsa allo shopping a prezzi scontati, sia nei negozi fisici ma, soprattutto nei negozi online (dove le occasioni saranno online fino al prossimo lunedì, nel Cyber Monday). Proprio nel giorno del Black Friday, in cui un maggior numero di utenti effettua acquisti, bisogna stare attenti a non imbattersi in truffe, che potrebbero essere proprio dietro l’angolo.

I consumatori dovono essere consapevoli che, quando c’è maggiore confusione aumentano i tentativi di frode, soprattutto, nel commercio elettronico. Nei giorni come oggi del Black Friday e del prossimo lunedì il Cyber Monday, il rischio frode raggiungerà un picco notevole, dato l’elevato volumi delle transazioni, mediante pagamenti tramite carte elettroniche.

Per far fronte al rischio frode, l’ ACI Worldwide, leader di soluzioni bancarie e di pagamenti elettronici in real time, ha fornito ai consumatori alcuni suggerimenti, da tenere in considerazione durante i pagamenti online.

Rischio frode: i suggerimenti per i consumatori

Il primo suggerimento proposto dall’ ACI Worldwide, è quello di acquistare su siti Web affidabili. L’affidabilità può essere verificata, controllando l’angolo in basso a destra di un sito web durante il processo di check-out e cercando un’icona di sicurezza a dimostrazione della sicurezza della transazione.

Il secondo suggerimento è quello di non utilizzare il Wi-Fi pubblico durante gli acquisti: le informazioni personali e finanziarie sono vulnerabili sulle reti Wi-Fi pubbliche. Il terzo suggerimento è quello di diffidare degli spazi pubblici di ricarica: in quanto potrebbero essere falsati, per rubare dati personali dai dispositivi in ricarica. E’ consigliabile, utilizzare l’autenticazione biometrica.

Il quarto suggerimento è quello di evitare di utilizzare la stessa combinazione di e-mail e password con più esercenti: i truffatori possono utilizzare queste credenziali per futuri furti di account. Il sesto suggerimento è quello di imposta i PIN per account online per evitare “frodi involontarie” e successivi storni di addebito, in particolare per le famiglie con bambini piccoli.

Il settimo suggerimento è quello di tracciare e monitorare la spesa delle tue carte di pagamento: impostare avvisi automatici per le transazioni online, utili per poter sapere esattamente quando i consumatori o qualcun altro sta tentando di utilizzare una carta. L’ultimo suggerimento è quello di controlla i rapporti di credito.