Assegno unico familiare, arriva l’ok dalla Commissione: ecco quando arriva e l’importo

Assegno unico familiare, arriva l'ok dalla Commissione: ecco quando arriva e l'importo

La Commissione Lavoro al Senato ha dato l’ok per finalizzare l’iter parlamentare sull’assegno unico familiare.

Molti italiani si sono chiesti, considerando l’arrivo del nuovo governo Draghi, quali misure saranno confermate in merito agli aiuti e ai sostegni previsti dall’ex governo Conte. Uno di questi è sicuramente l’assegno unico familiare, un’indennità studiata per dare sostegno alle famiglie italiane con a carico uno o più figli. Dopo essere rimasto in sospeso per diversi mesi a causa della crisi di governo, è arrivata finalmente una novità dall’Iter parlamentare, una novità che permetterà di dare il via al decreto sull’assegno unico familiare.

Assegno unico familiare, dato il via dalla Commissione del Lavoro al Senato

La commissione Lavoro al Senato ha dato finalmente l’ok per l’assegno unico familiare, rimasto in sospeso a motivo della crisi di Governo. L’iter parlamentare per l’approvazione del decreto legge, dunque, ha compiuto un altro passo importante.

Il governo avrà tempo 12 mesi per attuare la delega ma la ministra per la Famiglia, Elena Bonetti ha sottolineato di voler «dare seguito il prima possibile ai decreti attuativi» dando una maggiore sicurezza sui tempi di attivazione. Gli uffici del Mef e quelli del Ministero della Famiglia dovranno pertanto accelerare i tempi di stesura dei decreti attuativi che andranno anche a stabilire l’importo dell’assegno da erogare alle famiglie.

Per attuare e finanziare questa riforma a favore delle famiglie, la legge di Bilancio a già stanziato i primi 3 miliardi di euro per il 2021 mentre viene stimato un ulteriore stanziamento tra i 5 e i 6 miliardi di euro per il 2022.

Assegno unico familiare: di quanto sarà l’importo e quando verrà erogato?

L’assegno unico familiare dovrebbe essere erogato alle famiglie a partire dal mese di luglio di quest’anno. Fino ad oggi, l’ipotesi era quella di un importo pari a 200 euro mensili per ogni figlio da 0 a 21 anni, tuttavia, come viene anche spiegato dal portale di «Skytg24», la delega impone comunque un modulario che si baserà sui requisiti Isee, la divisione in parti uguali tra i genitori e la maggiorazione a partire dal secondo figlio. Inoltre è previsto un aumento dal 30% al 50% in caso di figli con disabilità.

Un altro aspetto importante da considerare in merito all’assegno unico familiare è che questo verrà erogato ogni mese fino al compimento dei 21 anni; dietro richiesta, però, l’assegno potrà essere ricaricato direttamente ai figli che avranno compiuto la maggiore età, dunque dai 18 anni e fino al compimento dei 21 anni.

Tuttavia il sussidio verrà corrisposto soltanto ai figli maggiorenni che studiano, che stanno svolgendo percorsi di tirocinio o che hanno un lavoro a basso reddito. La nuova agevolazione riguardante l’assegno unico familiare andrà a beneficio di tutte le famiglie, compresi gli incapienti e le partite iva, sinora esclusi dalla maggior parte dei sostegni per le famiglie.