Adeguamento registratori di cassa: c’è tempo fino al 1° ottobre 2021 grazie alla proroga

Una nuova proroga ha concesso più tempo agli esercenti che ancora oggi non hanno aggiornato il proprio registratore di cassa. Questi commercianti avranno tempo fino al 1° ottobre 2021 per mettersi in regola.

La scadenza per adeguare il registratore di cassa è stata posticipata al 1° ottobre 2021. Questa decisione è stata comunicata il 30 marzo 2021 dall’Agenzia delle Entrate che ha deciso quindi di far slittare nuovamente il termine ultimo per gli esercenti. La scadenza originaria era già stata precedentemente spostata in avanti, infatti inizialmente la scadenza era fissata per l’inizio del 2021.

Il Governo aveva poi deciso di spostare la data per l’adeguamento obbligatorio al 1° aprile 2021. Ora però è arrivata una nuova proroga che consentirà ai commercianti che ancora non l’hanno fatto di adeguare i propri registratori di cassa entro il 1° ottobre di quest’anno.

Prorogato il termine ultimo per l’adeguamento del registratore di cassa

Il provvedimento n. 83884 dell’Agenzia delle Entrateha stabilito una nuova scadenza per l’adeguamento del registratore di cassa. Gli esercenti hanno tempo fino al 1° ottobre 2021 per aggiornare o sostituire la vecchia cassa con una nuova che sia in grado di inviare automaticamente il corrispettivo giornaliero all’Agenzia delle Entrate.

Sarà quindi obbligatorio utilizzare esclusivamente il nuovo tracciato (versione 7.0) dei dati entro e non oltre il termine ultimo definito dal provvedimento.

La decisione di prorogare la scadenza per l’adeguamento è stata presa alla luce delle numerose richieste arrivate dalle associazioni di categoria che hanno più volte chiesto di dare una tregua ai commercianti che stanno vivendo un momento particolarmente complesso.

Molti negozianti hanno infatti dovuto chiudere le proprie attività alla luce delle misure restrittive in vigore allo scopo di limitare il numero di contagi di Covid-19.

Un altro motivo che ha portato a far slittare i termini per l’adeguamento dei registratori di cassa sta nel fatto che il Decreto Sostegni ha prorogato la data ultima per mettere a disposizione a chi ha la Partita IVA le bozze dei registri, della dichiarazione IVA e delle LIPE.

L’Agenzia ha prorogato due diversi punti con questo provvedimento del 30 marzo 2021. Queste due nuove scadenze sono:

  • 30 settembre 2021: termine entro il quale i produttori devono dichiarare la conformità delle specifiche tecniche di un modello che è già stato approvato dall’Agenzia delle Entrate;
  • 1 ottobre 2021: termine entro il quale gli esercenti dovranno aggiornare o sostituire i vecchi registratori di cassa.

Esiste un’alternativa al classico registratore di cassa

Coloro che devono acquistare un nuovo registratore di cassa possono optare per diversi modelli a seconda dell’operatività dell’esercente o dell’artigiano.

Le caratteristiche che devono essere possedute da questi registratori di cassa sono descritte in maniera dettagliata dall’Agenzia delle Entrate. Per consultare questi dettagli è necessario controllare la documentazione presente nell’area tematica del sito dell’Agenzia che si chiama “Fatture elettroniche e Corrispettivi telematici”.

Le persone che hanno Partita Iva ed effettuano quindi poche operazioni possono ricorrere anche a una procedura web guidata invece di utilizzare un registratore di cassa. Questa opzione non è molto conosciuta, ma può essere una valida alternativa per questa categoria di lavoratori.

Leggi anche: Lotteria degli scontrini: numerosi commercianti ancora non partecipano