Autore: Luigi Mercantile

A.S. Roma

10
Gen 2020

Zaniolo: «Ho pianto per la prima convocazione in nazionale»

Zaniolo ha raccontato della sua carriera in un’intervista per DAZN.

Zaniolo sta attraversando un buon periodo di forma, come anche la Roma, nonostante la sconfitta per 2-0 con il Torino, commentata anche da Dzeko in una recente intervista per Sky Sport.Zaniolo è uno dei talenti più interessanti del nostro calcio. Il centrocampista ha solo 20 anni, ma ha già dimostrato diverse sue qualità.

Non è un giocatore velocissimo, ma ha un ottimo piede sinistro che gli permette di offrire assist ai compagni, o di segnare grandi gol dal limite dell’area, come avvenne nel match giocato dalla Roma contro il Napoli nel mese di novembre e vinto dai giallorossi per 2-1.

Se Zaniolo dovesse continuare a giocare a questi livelli, a breve potrebbe diventare uno dei centrocampisti più forti del mondo. E durante un’intervista concessa a DAZN, il calciatore della Roma ha parlato di alcuni momenti fondamentali della sua carriera.

Il debutto in Champions League

Zaniolo ha debuttato in Champions League il 27 novembre di due anni fa. Il calciatore della Roma, da un momento all’altro, si è ritrovato ad affrontare giocatori leggendari come Ramos, Modric, Bale e Benzema. Zaniolo ha raccontato di come ha vissuto l’attesa del match, fissando il soffitto della sua camera e quando si è ritrovato nel tunnel prima della partita, non riusciva a vedere l’entrata nel campo di gioco, ma soli gli innumerevoli campioni che lo circondavano.

La prima convocazione in nazionale

All’inizio, Zaniolo era così sorpreso di vedere il suo nome tra i convocati che pensava fosse un errore. Ma quando ha iniziato a leggere la notizia dappertutto ha iniziato a crederci per davvero e quando il team manager lo ha chiamato per confermargli della convocazione, Zaniolo è scoppiato a piangere. La nazionale è il sogno di qualsiasi giovane calciatore che un giorno spera di diventare un grande campione e Zaniolo in un momento così emozionante non è riuscito a trattenere le lacrime.

Il primo gol in Serie A di Zaniolo

Oltre al debutto in Champions e alla prima convocazione in nazionale, Zaniolo ha ricordato del suo primo gol, lo splendido pallonetto segnato contro il Sassuolo.Il calciatore ha dichiarato che suo padre era stupefatto di quello che aveva fatto e non poteva credere che avesse scelto di fare lo scavetto al portiere e anche i compagni di squadra si complimentarono con lui.