Autore: Rita Parisi

6
Mag

Un posto al sole, Patrizio Rispo svela quando si potrà tornare a girare le nuove puntate

Patrizio Rispo ha fatto il punto della situazione sulla grave crisi che ha investito i lavoratori dello Spettacolo e ha spiegato quando si dovrebbe tornare sul set di Un posto al sole.

Un posto al sole, come tante altre fiction e trasmissioni televisive, sta accusando fortemente gli effetti dell’emergenza Coronavirus. A fare luce sulla difficile crisi che vive il settore dello Spettacolo è già stato l’attore Michelangelo Tommaso, che nella soap opera di Rai 3 interpreta il ruolo di Filippo Sartori e che, in occasione della Festa dei Lavoratori ha pubblicato un amaro post su Instagram in cui ha auspicato quanto prima una ripresa per attori, tecnici e operatori coinvolti nelle produzioni televisive e negli spettacoli teatrali. Sull’argomento nelle scorse ore è intervenuto anche Patrizio Rispo, che veste i panni dell’amatissimo Raffaele Giordano, il portiere di Palazzo Palladini.

Un posto al sole, il grido di allarme di Patrizio Rispo: “Fate presto a riaprire”

Patrizio Rispo, tra gli attori più amati di Un posto al sole, anche in qualità di vice presidente vicario del Teatro Nazionale-Stabile di Napoli ha lanciato il suo grido di allarme durante un’intervista al Corriere del Mezzogiorno: «Fate presto a riaprire, è importante per tutti noi. Diamo un segno tangibile a una categoria devastata dai tempi troppo lunghi della ripresa. Se continua così, i lavoratori dello spettacolo, per molti versi già in crisi, salteranno tutti, a partire dagli attori e dai registi».

L’attore ha precisato: «Non parlo solo delle star, degli attori riusciti, dei registi conosciuti, ma anche e soprattutto di un’intera categoria da sostenere concretamente, di quelli più fragili e dimenticati: dai giovani meno consolidati ai macchinisti, dagli scenografi agli attrezzisti che ruotano attorno al teatro immersi nella precarietà e nell’instabilità professionale. Per tutti, se non succede niente, sarà una batosta, una dissoluzione. Senza incassi, vedo una situazione drammatica».

Patrizio Rispo sulla crisi del settore dello Spettacolo: «Dobbiamo partire, senza più né esitazioni né lentezze»

Patrizio Rispo, sempre al Corriere del Mezzogiorno, ha poi avanzato delle ipotesi su come far ripartire il settore dello Spettacolo: «Dobbiamo partire, senza più né esitazioni né lentezze. Abbiamo mille luoghi per salvare la stagione mettendo su spettacoli all’aperto: utilizziamoli! Dal Maschio Angioino a Palazzo Reale a tutti i teatri di pietra della Campania. A partire da Pompei, dove si svolge la nostra rassegna estiva. Tutto entro i confini della nostra regione». Sul destino della soap opera partenopea ha poi annunciato che è in programma il ritorno sul set:

«Riapriamo anche i set, in testa quello di “Un posto al sole”. Se tutto va bene, dovremmo ricominciare a girare a giugno per poi vedere le prime nuove puntate a luglio. I nostri sceneggiatori si stanno ovviamente adeguando al momento e stanno scrivendo storie che, come di consueto, abbiano attinenza massima con la realtà circostante. Ma anche qui attendiamo ragguagli sulle direttive definitive, su come e quando potremo girare. Nel frattempo, facciamo pillole su RaiPlay da casa, di cinque minuti al giorno, raccolte tutte al sabato con me solo sul set a far da smistatore».