Norvegia, vuoi commentare un articolo? Dimostra di averlo letto

Puoi commentare un articolo web solo se rispondi correttamente al quiz che dimostra che lo hai letto davvero. Ecco l’iniziativa contro il cyberbullismo della azienda di Stato norvegese.

Commentare gli articoli sul web solo dopo aver dimostrato davvero di averlo letto fino alla fine rispondendo correttamente ad alcune domande. L’iniziativa inedita e al limite dell’incredibile è dell’azienda radiotelevisiva di Stato della Norvegia.

Gli articoli online si potranno commentare solo dopo il superamento di un quiz che stabilirà se veramente il pezzo è stato letto. L’idea della NRK, l’azienda radiotelevisiva norvegese, punta alla lotta del cyberbullismo.

Sul web tutti hanno l’opportunità di esprimere la propria opinione ma spesso lo fanno senza averne il diritto non essendosi informati sulla questione. Ed è proprio questo problema che alla fine porta al cyberbullismo.

Insulti, frasi violente e razziste, troll e minacce sono all’ordine del giorno anzi del minuto sul web. I commenti online degli utenti spesso sono scritti con un solo intento: disturbare in maniera incivile e maleducata l’interattività tra i cyberutenti.

Per evitare dunque questi dibattiti strampalati, e soprattutto che le persone commentino senza aver letto e capito tutto l’articolo fermandosi solo al titolo, la NRK ha aggiunto un quiz di comprensione del testo.

Solo rispondendo correttamente al test correlato ad un articolo poi si potrà procedere al commento del testo. Così la Norvegia sta cercando di porre rimedio al cyberbullismo e ai maniaci degli insulti gratuiti e dei complotti.

Come funzionano i quiz della NRK che dimostrano la lettura di un articolo

Sicuramente vi starete chiedendo come funziona l’idea dell’azienda di stato norvegese NRK che ha introdotto i quiz di sbarramento che attestano la lettura effettiva di un articolo e permettono di commentare poi il testo stesso.

Ebbene i quiz di sbarramento sono stati sperimentati nelle ultime settimane grazie alla creazione di un particolare filtro ideato dalla NRK per il suo sito web NRKBeta.

Il filtro della NRK è stato studiato e creato ad hoc per consentire i commenti in diretta solo per gli articoli che trattano determinati temi. Il suo funzionamento è semplicissimo: quando un utente commenta un articolo, prima di essere autorizzato a scrivere il suo pensiero, deve rispondere a un quiz di verifica per la lettura effettiva del contenuto.

Il filtro dei quiz di sbarramento ai commenti esige una risposta mirata alle domande sull’articolo. Non si tratta dunque di un test facilmente raggirabile, quello ideato dalla NRK.

Sul sito della NRK l’annuncio dell’attività di sorveglianza del quiz di sbarramento e quindi del filtro anti-commenti molesti è annunciato da una frase del cartone d’animazione "Toy Story" con la vignetta dei protagonisti Buzz Lightyear e lo sceriffo Woody che tuonano: «Commenti stupidi dovunque…dovunque!».

Il quiz di sbarramento, che per il momento è stato applicato a un numero limitato di pezzi e ha portato comunque a dei buoni risultati, è composto da tre domande a risposta multipla create dai giornalisti che hanno redatto l’articolo.

Le tre domande (due generiche e una specifica) sull’articolo dovranno essere risolte in un tempo massimo di circa 15 secondi ciascuna. Se non si risponde in maniera completa, giusta e coerente la funzione del commento verrà vietato.

L’inserimento del quiz di sbarramento della NRK ha un duplice obiettivo: verificare che l’utente intenzionato al commento sia mentalmente stabile e conosca l’argomento di cui si sta parlando; e indurlo a riflettere in maniera più profonda sulla propria opinione prima di renderla pubblica.

L’inserimento del quiz ha permesso al sito della NRK di mantenere la sezione dei commenti agli articoli senza doverla necessariamente eliminare come hanno fatto altre testate online per risolvere il problema dei commenti incivili.

Un esempio vincente dell’utilizzo di questo stratagemma è stato il test aggiunto per un articolo sul progetto di legge sulla sorveglianza digitale. Grazie al test sotto l’articolo si è sviluppata una discussione intelligente, dai toni civili, a prova di disturbatori molesti.