Autore: Giada Fiordaliso

Smartphone

31
Gen

I migliori consigli per non rovinare la batteria dello smartphone

I migliori consigli per non rovinare la batteria dello smartphone: quali sono e come applicarli

Quali sono i migliori consigli per non rovinare la batteria dello smartphone? Spesso si diffondono sul web tante convinzioni sbagliate, a cui molte persone credono, rischiando di rovinare il proprio telefonino. Per fare un esempio, su Internet si può leggere spesso che non comporta problemi al dispositivo, il fatto di attaccare e staccare spesso il cavetto della batteria.

Niente di più sbagliato: in tal modo, si rischia di bruciare il connettore ed anche il cavo. Se questa è una delle convinzioni più radicate tra gli utenti, le altre sono ancora più diffuse, ma altrettanto erronee.

Si tratta della percentuale corretta da seguire per caricare la batteria: chi crede che sia giusto caricarla quando il telefonino segnala il 20% di energia rimanete, chi ritiene che sia corretto attendere lo spegnimento dello smartphone. Anche in questo caso, tutto sbagliato. Per non rovinare la batteria del telefonino, è utile seguire i consigli elencati di seguito.

Non attaccare e staccare troppe volte il cavo

Tra i migliori consigli per non rovinare la batteria dello smartphone, vi è senza dubbio quello di evitare di attaccare e staccare il cavetto dal connettore, troppe volte. In questo modo si rischia solo di rovinare non solo la batteria, ma anche il cavo e in alcuni casi persino la presa elettrica. È meglio caricare il telefonino quando si è disposti a “lasciarlo in pace”. Questo significa che una volta collegato al proprio caricabatterie, non va staccato fino a quando non ha raggiunto un’alta percentuale di energia.

Non usarlo troppo durante la carica

Altra regola da seguire per far sì che la batteria del proprio cellulare non faccia corto circuito in poco tempo, occorre anche cercare di evitare di usare le app mentre è in carica. Secondo alcuni esperti, sarebbe opportuno non utilizzare neanche le funzioni più comuni, tra cui chiamate e messaggi.

In tal modo, se si lascia raffreddare il telefono, la batteria avrà modo di durare a lungo e di non surriscaldarsi troppo. Il rischio dovuto al fatto di utilizzare spesso il cellulare mentre è collegato al caricabatterie è che la sua temperatura superi i 32 C°, valore considerato come “standard” dagli esperti.

Attenzioni alle percentuali

Il consiglio principale riguarda quando caricare il telefono: ci sono persone che credono che non appena la carica del dispositivo scenda, e raggiunga già il 40%, sia bene caricarlo. Niente di più sbagliato: è proprio così che si rischia di rovinare la batteria.

È sbagliato anche credere che sia necessario attendere che lo smartphone si scarichi del tutto e raggiunga lo 0%, per poter attaccare il caricabatterie. L’ideale, secondo gli esperti, sarebbe attendere che l’energia arrivi al 10%.

Tante persone però commettono errori anche nello staccare il cavetto: molti credono di doverlo staccare già quando il dispositivo raggiunge il 50% o il 70%, ma anche qui si incorre in uno sbaglio grave. È bene attendere che il telefonino raggiunga il 99%, e mai il 100%. In questo modo la batteria rimarrà duratura a lungo e non sarà necessario spendere denaro per poterla sostituire.

Quale caricabatterie usare

Spesso può capitare di dimenticare il caricabatterie del proprio cellulare, e di doverlo ricaricare con urgenza. In tal caso, si chiede in prestito il cavetto, anche se questo andrebbe evitato. L’ideale infatti, secondo gli esperti, sarebbe utilizzare solo quello originale, ovvero quello acquistato insieme al telefono. Altro consiglio da tenere a mente è il fatto di evitare di ricaricare il dispositivo tramite il computer, dato che sarebbe meglio caricarlo solo dalla presa elettrica.

Non lasciare troppo inattivo/attivo il cellulare

Per far sì che la batteria del proprio smartphone duri il più a lungo possibile, è opportuno anche evitare di lasciare spento troppo a lungo il dispositivo. Secondo alcuni ricercatori, è bene spegnere il cellulare ogni tanto e lasciarlo “riposare”, ma è anche giusto evitare di lasciarlo troppo inattivo.

Di contro, questo non significa che debba essere surriscaldato da un uso eccessivo. Per capire meglio, ci si può riferire alle app: lasciarne numerose aperte, anche se non si stanno utilizzando, è dannoso per la batteria. Questo contribuisce infatti solo ad aumentare la temperatura del proprio cellulare, che rischia poi di creare diversi danni.

Se non servono, meglio chiudere tutte le app in esecuzione e soprattutto cercare di non dare troppi comandi contemporaneamente allo smartphone. Ciò vuol dire che se una pagina si sta aprendo, è meglio attendere che finisca tale processo, prima di spingere altri tasti o avviare altre applicazioni.

Per risparmiare la batteria è utile anche cercare di abbassare la luminosità dello schermo, che potrebbe rivelarsi inutile, se lasciata ad un livello eccessivo, ed anche dannosa per gli occhi. Come si è visto, sono diversi i consigli utili che possono essere seguiti per evitare che la batteria del proprio telefonino sia danneggiata. È bene seguirli oppure si rischia di danneggiare una parte importante del proprio telefono, che se si gonfiasse o rovinasse, in alcuni casi potrebbe persino esplodere oppure fondere lo schermo del dispositivo.