Autore: Paolo Marsico

Inter

10
Feb

L’ex Presidente Massimo Moratti: «Uno dei derby più belli di sempre»

Massimo Moratti non trattiene la gioia e l’entusiasmo per una vittoria che mette l’inter in prima fila per la conquista dello scudetto, e subito parte il paragone con Jose Mourinho

L’ex Presidente dell’Inter, Massimo Moratti, non trattiene l’emozione dopo il Derby della scorsa serata che ha visto la sua squadra trionfare per 4-2 sui «cugini» del Milan, dopo una rimonta straordinaria dall’iniziale vantaggio di 0-2 in favore dei rossoneri.

«Serata meravigliosa – ha dichiarato Moratti - la partita perfetta, bene il Milan nel primo tempo, meglio l’Inter nella ripresa: uno dei derby più belli di sempre».

La gara e l’emozione della rimonta

I gol di Brozovic e Vecino ad inizio secondo tempo, nel momento in cui la squadra di Conte si trovava sotto di ben due gol, hanno spianato la strada all’entusiasmo in casa nerazzurra. Entusiasmo ed applicazione che hanno poi spinto la squadra fino al vantaggio di De Vrij ed al definitivo 4-2 di Lukaku.

«Nei primi quarantacinque minuti – ha dichiarato ancora l’ex patron interista - in campo c’era solo il Milan, poi penso che Conte abbia fatto quel che doveva fare nell’intervallo, ma di certo la squadra aveva già dentro di sè gli strumenti per reagire».

TI POTREBBE INTERESSARE: L’Inter non convince del tutto, parola di Zlatan Ibrahimovic

La Milano nerazzurra sogna lo scudetto

L’entusiasmo dell’ambiente ha contagiato anche il tecnico interista Antonio Conte, che in conferenza stampa, dopo la gara, ha parlato apertamente, per la prima volta in questa stagione di scudetto, riferendosi a questa eventualità come qualcosa che deve passare anche dal rendimento della sua ex squadra, la Juventus.

Conte come Mancini e Mourinho?

Proprio di Antonio Conte ha poi parlato Massimo Moratti, dichiarando : «Non riesco a paragonare Conte a Mourinho o Mancini possono avere aspetti e logiche simili ma le persone sono tra loro molto diverse. Di certo sono bravi – continua Moratti - di ieri mi ha impressionato, per quel poco di tempo che ha avuto a disposizione, Eriksen: fa cose da grandissimo campione, splendida la punizione finita sulla traversa. Nutro molta curiosità nei suoi confronti»

Parole d’elogio e di grandi speranze quelle dell’ex presidente nerazzurro, in vista di un finale di campionato che si preannuncia più che emozionante, alla ricerca di un traguardo che in casa nerazzurra manca ormai proprio dall’ultima stagione con in panchina lo «special one», Jose Mourinho, esattamente dieci anni fa.