Game of Thrones ispira il nuovo corso di studi di Harvard

Chi conosce la saga di George R.R. Martin non sarà estraneo a nomi come quelli degli Stark, dei Lannister e dei Targaryen, ma nel caso in cui avesse bisogno di un ripasso ora può iscriversi ad Harvard dove inaugureranno un corso sul Trono di Spade.

Se siete appassionati di studi come Aemon Targaryen o Samwell Tarlyn sicuramente questo corso non potrete perdervelo. Ma basterebbe anche essere amanti dei libri dello scrittore di una delle saghe più lette degli ultimi anni: Game of Thrones di George Martin.

Non è un segreto che la serie tv sia una delle più seguite di sempre con dei numeri da record (basti pensare che nella sesta stagione ogni episodio è stat guardato all’incirca da 23,3 milioni di spettatori).
Insomma che A song of Ice and Fire fosse un successo già si sapeva e anche che alcune università avessero provato ad inserire dei corsi da dedicarle, ma sicuramente nessuna con un nome così radicato nella storia e conosciuto in ogni angolo del mondo.

Già perché tutto questo avverrà ad Harvard a partire dal prossimo anno, dove sarà possibile trovare un corso che andrà ad arricchire la categoria già presente. The Real Game of Thrones: From Modern Myths to Medieval Models è il nome che i due professori Sean Gilsdorf, uno storico medievale, e Racha Kirakosian, esperto della popolazione germanica e della religione, hanno pensato per il ciclo di studi ispirato al Trono di Spade.

Di cosa trattano gli studi di Game of Thrones

L’idea nasce dal voler riavvicinare i giovani di oggi agli studi del mondo medievale e per fare questo gli ideatori del progetto hanno pensato di sfruttare la serie tv di successo.
Durante un’intervista al Time il professor Gisdolrf ha dichiarato che il corso sarà un approfondimento sulla cultura medievale presso le popolazioni europee e asiatiche. Sarano quindi studiate le usanze, i costumi familiari, le consuetudini e le leggende che vigevano all’epoca.

I personaggi di Game of Thrones infatti risultano essere assimilabili agli eroi dell’epica medievale. Per fare un esempio, come chiarisce Kirakosian, l’odio di Cersei Lannister verso tutti coloro che sembrano invaghirsi dei suoi figli potrebbe trovare spiegazione in alcune caratteristiche tipiche dei popoli germanici.

La leonessa di casa Lannister incarna infatti lo stereotipo della regina vendicativa molto simile a Crimilde (personaggio fondamentale all’interno dell’epica germanica dei Nibelunghi).

Entrambe sono regnanti il cui marito è stato ucciso durante una battuta di caccia e che sono in forte competizione con regine straniere che si trovano a corte

Così ha spiegato la docente aggiungendo inoltre che già ad Oxford le era capitato di vedere come i suoi studenti fan di A song of Ice and Fire fossero poi quelli che risultavano più interessati alla materia che insegnava.
Anzi in molti casi erano loro stessi, quando la professoressa leggeva passi di poemi epici del periodo medievale, a segnalare le notevoli somiglianze con il mondo di GOT.

Dietro tale idea potrebbe in realtà celarsi la volontà di risollevare la sorte degli studi umanistici che sembrano non interessare più i giovani (tra il 2012 e il 2014 il calo di iscritti risulta essere di oltre l’8%).

Se quindi non volete finire come John Snow e “non sapere niente”, dovete ancora iscrivervi all’università e siete amanti del Trono di Spade forse potreste davvero prendere in considerazione l’idea di Harvard per i prossimi anni.
Se andarci con l’aereo o cavalcando Drogon sta a voi deciderlo, ma ricordate di pagare la retta…dopo tutto “un Lannister paga sempre i suoi debiti” (di studente).