Autore: Annarita Faggioni

WhatsApp - Facebook

Whatsapp non funzionerà più per alcune versioni iOS e Android: quali sono?

Come ogni anno, Whatsapp aggiorna le sue funzioni. Purtroppo, non tutti i dispositivi sono compatibili con questi aggiornamenti...

Whatsapp non funzionerà più in alcune versioni di iOS e Android. A partire dal 2021, i dispositivi che utilizzano i sistemi operativi precedenti a iOS 9, Android 4.0.3 e quelle successive a KaiOS 2.5.1 non potranno più usare il servizio di messaggistica istantanea.

Qual è il problema? Whatsapp metterà a disposizione nuove funzioni e queste non sono assolutamente compatibili con i software un po’ datati o con l’hardware dei dispositivi che utilizzano questi sistemi operativi.

Smartphone e iPhone che non potranno più usare Whatsapp

Gli iPhone che non potranno più usare il servizio di messaggistica istantanea di Facebook sono:

  • iPhone 4S,
  • iPhone 5,
  • iPhone 5C,
  • iPhone 5S.

Invece, per quanto riguarda il mondo Android, i dispositivi tagliati fuori sono:

  • HTC Desire,
  • Galaxy S2,
  • Motorola Droid RAZR,
  • Huawei Ascend P1.

Il sistema operativo è indicato nelle impostazioni del telefono, quindi è facile verificare quali sono i dispositivi che non potranno più utilizzare Whatsapp. Lo stop definitivo sarà il 1° gennaio 2021.

Per cambiare smartphone, ecco quali sono i migliori per il Natale 2020.

Cambiamento delle condizioni di servizio per Whatsapp

Cambieranno anche le condizioni di servizio per tutti a partire da Febbraio 2021. Infatti, aumenterà l’integrazione con Facebook. Chi ha un profilo business sul social network potrà usare il servizio di messaggistica per criptare i messaggi dei clienti e per archiviare le chat.

Chi non accetterà i cambiamenti, non potrà usare il servizio, quindi dovrà disinstallare l’applicazione. A livello grafico, invece, ora si possono personalizzare gli sfondi delle chat.

WhatsApp Messenger: quanta strada dal 2009!

Il servizio di messaggistica immediata nasce come Whatsapp Messenger, dalla società Whatsapp Inc. Facebook acquisisce l’azienda il 19 febbraio 2014.

All’inizio, il servizio era solo per dispositivi mobili. Da alcuni anni si può usare la versione Web, a patto però di avere il dispositivo mobile collegato tramite QR Code.

Nel 2017, l’azienda ha annunciato di voler creare una piattaforma commerciale, per poter garantire un servizio clienti agli utenti su larga scala.

La società non è l’unica a offrire un servizio di messaggistica gratis, ma è uno dei più interessanti. Infatti, ci sono anche Telegram, WeChat, Line, Viber e altri.

Il servizio è senza pubblicità, ma c’è stato un anno dove per utilizzare il servizio si doveva pagare meno di un euro. L’opzione è stata rimossa poi dalla società, ma da allora ciclicamente ricompare la fake news che parla di Whatsapp a pagamento.

Il servizio è stato al centro di diverse polemiche per via di alcune catene per le quali i malintenzionati usano la piattaforma violando i termini di servizio e non solo. Un esempio è l’odioso fenomeno del Blue Whale.

Per aiutare gli utenti ad affrontare questi criminali, l’azienda ha preso provvedimenti per incoraggiare le persone a segnalare messaggi fraudolenti o violenti già a partire dal luglio 2018.

Whatsapp è cambiato molto dai suoi inizi. Permette di mandare messaggi audio, video, immagini, file e molto altro e anche nel 2021 ci saranno belle sorprese.