Autore: Alessandro Leonardi

Serie tv e Fiction - Anticipazioni - Cast - Streaming

WandaVision: il «terrificante» quarto episodio sconvolge i fan

WandaVision sconvolge i fan con degli episodi che vanno oltre i confini del «reale».

WandaVision continua ad affascinare i fan, non risparmiandosi nessun colpo di scena, ma soprattutto quelli più spaventosi: nei primi tre episodi della serie si è visto quanto la realtà alternativa che sta vivendo Wanda sia davvero malata. Far sopravvivere i propri desideri a volte può portare alla completa follia; perché cambiare ciò che è accaduto? Forzare il tempo comporta delle conseguenze.

WandaVision sconvolge i fan: il «terrificante» quarto episodio

Se i primi episodi accoglievano delle scene alquanto inquietanti, il quarto ripone il velo su ogni costrizione irreale, mostrando la verità più terrificante: le vicende di Monica Rambeau e dello SWORD rivelano quanto sia finta la realtà di Westview, per quanto il personaggio possa impegnarsi nell’immaginare altro per convincersi di qualcosa che, purtroppo, non esiste più.

Scarlet Witch, interpretata da Elizabeth Olsen, si finge altro per evitare di accettare quello che è successo. La nostra protagonista vedrà Visione non più come quella dimensione distorta lo aveva creato: sorridente, felice, con una vita.

Visione è morente, con un buco in fronte al posto della Gemma dell’Infinito, dovuto alla sua reale morte nel mondo reale per mano di Thanos in Avengers: Infinity War.

Una scena davvero toccante per i fan, infatti, ecco le loro risposte: "Vedere il corpo morto di Visione parlare mi ha traumatizzato", «È troppo spaventoso rivedere il corpo morto di Visione!», «Wanda sta rianimando il cadavere di Visione?».

La serie Marvel distribuita da Disney+ continua a fare incetta di visualizzazioni, acquistando sempre più attenzione da parte del pubblico. WandaVision si interpone come spartiacque tra la «vecchia generazioni» Marvel, al nuovo ciclo che subentrerà con tutte le prossime produzioni in corso.

Leggi anche: Marvel Cinematic Universe, il film «segreto» che è passato inosservato