Una Vita, anticipazioni 5 giugno: una corsa contro il tempo

Il commissario Mendez concederà ancora 48 ore di tempo a Felipe per trovare prove dell’innocenza di Marcia e l’avvocato si rimboccherà le maniche.

Liberto Seler sarà tra i protagonisti di Una Vita di sabato 5 giugno, come rivelano le anticipazioni della soap opera di Canale 5. L’uomo sarà molto turbato dopo aver visto Maite e Camino in atelier in atteggiamento intimo. Nonostante le due donne gli abbiano spiegato di essersi abbracciate in un momento di commozione dopo aver visto insieme dei quadri, l’uomo ha capito che in realtà tra loro c’è qualcosa e adesso non sa se dirlo o meno a Felicia.

Liberto, ancora arrabbiato con Rosina per essersi introdotta nello studio di Maite per visionare le tele che saranno esposte nel corso dell’inaugurazione della galleria, alla fine deciderà di fare pace con lei, ma apparirà ancora molto pensieroso e inquieto e questo suo stato d’animo non sfuggirà alla moglie. Jacinto e Servante, intanto, continueranno a discutere sugli stemmi di famiglia in quanto il primo si convincerà di aver deluso i suoi avi in quanto sul suo stemma di famiglia c’è una capra e quindi lui avrebbe dovuto fare il pastore di capre e non di pecore.

Una Vita, trama puntata sabato 5 giugno: Felipe deciso a dimostrare l’innocenza di Marcia

La trama di Una Vita di sabato 5 giugno sottolinea che Marcelina sarà esasperata per l’atteggiamento di Jacinto sulla questione dello stemma. Nel frattempo, dopo aver ottenuto dal commissario Mendez 48 ore di tempo per trovare prove che scagionino Marcia, Felipe , a quel punto, tenterà con ogni mezzo di rintracciare i proprietari del negozio in cui la brasiliana sostiene di aver fatto acquisti il giorno dell’omicidio.

Dal canto suo, Cinta deciderà di ascoltare il consiglio di Bellita di fare carriera in Spagna, prima di affermarsi in Argentina. Infine, Felicia comunicherà a Maite e Camino che darà loro il permesso di riprendere le lezioni di pittura, a patto che si svolgano nel suo locale dove lei potrà controllarle e che Maite parli esclusivamente di arte.