Una Vita, anticipazioni 22 marzo: Acacias in rivolta

Una Vita, anticipazioni 22 marzo: Acacias in rivolta

Ad Acacias si verrà a sapere quello che Ursula ha fatto ad Agustina e la donna verrà umiliata e cacciata via dal quartiere.

Una Vita metterà sotto la lente di ingrandimento ancora una volta il duro confronto tra Ursula e Genoveva, come spiegano le anticipazioni della soap opera iberica di lunedì 22 marzo. La Salmeron, infatti, sta portando avanti la sua strategia per screditare la domestica agli occhi di tutta Acacias e per farlo si è servita del finto medico che tempo prima ha formulato la diagnosi fasulla di malattia incurabile di Agustina, la governante di Felipe.

Genoveva, infatti, ha fatto incontrare la donna con il dottore affinché le raccontasse che è stata proprio la Dicenta a corromperlo per farle rivelare di essere in fin di vita. Agustina resterà davvero scioccata da questa notizia e subito tutti sapranno la verità. Di lì a poco per Ursula si metterà davvero male dal momento che un gruppo di signori e domestici decideranno di affrontare la donna che verrà pesantemente insultata e cacciata via per sempre da Acacias, proprio come prevedeva il piano di Genoveva.

Tuttavia, l’ex governante della Salmeron non avrà alcuna intenzione di piegarsi ai trucchetti della sua padrona e, intanto, prenderà contatti con Cristobal, l’assassino di Samuel Alday per ricattare la donna e costringerla a riabilitare il suo nome di fronte a tutti.

Una Vita, trama puntata lunedì 22 marzo: la bizzarra idea di Rosina

La trama di Una Vita di lunedì 22 marzo punterà i riflettori non solo sulla rivolta dei vicini che cacceranno Ursula dal quartiere, ma anche su Rosina. La moglie di Liberto, infatti, continuerà a subire il fascino e il carisma di Maite che le racconterà aneddoti e storie parigine che appassioneranno la donna. A quel punto, Rosina avrà un’idea molto bizzarra e originale, ossia metter su un salotto con l’obiettivo di diventare la Gertrude Stein di Acacias: il salotto Rosine. Come reagirà Liberto di fronte all’ennesima strampalata idea della consorte?