Autore: Rita Parisi

Un posto al sole

Un posto al sole, anticipazioni 20 ottobre: Alberto se la prenderà con Clara

Alberto, pressato dai problemi economici, sfogherà ancora una volta la sua rabbia su Clara.

Un posto al sole continuerà a riservare sorprese anche nel corso dei prossimi episodi come testimoniano le anticipazioni del 20 ottobre che vedranno ancora al centro della scena Serena e la sua gravidanza. La Cirillo, infatti, dopo essersi finalmente riavvicinata a Filippo, che l’ha supportata e sostenuta durante il ricovero in ospedale, dovrà fronteggiare un’emergenza legata al bambino che sta aspettando e insieme a Leonardo vivrà ore di grande angoscia e preoccupazione.

Nel frattempo, rivedremo nuovamente Alberto Palladini. L’uomo, dopo l’arresto di Mariano Tregara che l’ha scagionato da tutte le accuse a suo carico, si era dedicato a Clara e al bambino che stanno aspettando. Tuttavia, gli spoiler della soap opera partenopea rivelano che l’uomo sarà ancora una volta pressato da difficoltà economiche e scaricherà le sue frustrazioni sulla giovane. Dal canto suo, Patrizio, che si era pesantemente infatuato di Clara e l’aveva più volte difesa da Palladini arrivando persino alle mani con lui, dimostrerà di non aver perso l’interesse nei suoi confronti e di non averla affatto dimenticata.

Un posto al sole, trama di martedì 20 ottobre: Niko sarà sempre più in crisi

Infine, la trama di Un posto al sole di martedì 20 ottobre svela che Giulia, dopo mille ripensamenti e titubanze, sempre più arrabbiata per non riuscire ad incastrare Marco Modica, deciderà alla fine di partecipare al programma radiofonico condotto da Michele per esporre la sua dolorosa esperienza e sensibilizzare le altre donne vittime come lei di truffe sentimentali online, proprio mentre Niko sprofonderà sempre più in fondo al tunnel della sua crisi esistenziale. Il giovane Poggi, infatti, ancora disperato per il tradimento di Susanna, cercherà in tutti i modi di stordirsi e dimenticare per un po’ il suo dolore e la fine della sua storia d’amore.