Autore: Alessandro Leonardi

Serie tv e Fiction - Cast - Streaming - Netflix

The Crown sotto accusa: la quarta stagione mostra la malattia «straziante» di Lady Diana

The Crown 4 mostra la malattia di Lady Diana, ma il pubblico non sembra aver gradito quelle scene troppo «strazianti».

Chi ha visto la quarta stagione di The Crown, sa che i nuovi episodi si concentrano sulla figura di Lady Diana e sui primi anni del suo matrimonio con il Principe Carlo (interpretato da Josh O’ Connor). Tra i dettagli che l’ideatore Peter Morgan ha voluto mostrare c’è la malattia di Diana Spencer , mostrata senza censure e in maniera piuttosto realistica. Netflix, per evitare qualsiasi lamentala da parte del pubblico, ha condiviso un messaggio esclamativo che annuncia allo spettatore la presenza di scene forti: a quanto pare questo non è servito.

Un pubblico «troppo sensibile»

La scelta di mostrare la malattia della Principessa del Galles non è piaciuta a molti, ma lo sfavore generale ha scosso l’attrice Emma Corrin, che è intervenuto per dire la sua. In The Crown 4 vediamo Diana rifiutare spesso il cibo (durante il pranzo con Camilla nel terzo episodio), poi ingozzarsi di dolci e indursi volutamente il vomito dopo una discussione con il marito.

La bulimia viene mostrata nuda e cruda, descrivendo un personaggio che, se prima poteva essere considerato tra i più controversi della storia reale inglese ma per «sentito dire», adesso diventa ancor più reale. Sui social molti spettatori hanno giudicato le scene come troppo strazianti, quindi, non apprezzate minimamente. La giornalista Ingrid Seward, esperta di reali inglesi, ha dichiarato che l’estremo realismo con cui sono state trattate quelle scene è oggettivamente impressionante:

«La bulimia di Diana era una malattia con cui ha davvero combattuto quindi andava mostrata, in qualche modo. Ma lo si poteva fare con meno dettagli. È stato tutto troppo romanzato».

Il «realismo» secondo Emma Corrin

Emma Corrin ha replicato come quelle scene dove si mostra la bulimia di Diana sono state volute da lei stessa. In seguito a diverse ricerche sulla costruzione del personaggio e per lo studio della sua sceneggiatura, Emma Corrin ha deciso insieme a Peter Morgan di non omettere questi fatti reali. La bulimia ha avuto un ruolo centrale nello vita di Diana, e The Crown parla di fatti reali.

«Ho pensato che se stavamo cercando di rappresentare la bulimia in modo onesto, dovevamo mostrarla per quella che è davvero. Altrimenti avremmo fatto un torto a chi questo disturbo l’ha avuto davvero», ha detto l’attrice a Radio Times.