Autore: Antonio 2

Serie A Tim

Serie A, sorpresa: ripartenza con stadi aperti (ma per pochi)

Il nuovo protocollo fa chiarezza su chi potrà accedere negli stadi italiani.

La Serie A è pronta a riprendere il suo cammino verso la conclusione del campionato. La riunione, molto attesa, della Federazione Italiana Giuoco Calcio ha definito le date per la chiusura del campionato: il 20 agosto come spiegato chiaramente: «il Consiglio ha assunto una delibera in cui si indica la regolare prosecuzione delle competizioni professionistiche. La FIGC ha espresso la volontà di riavviare e completare le competizioni nazionali professionistiche fissando al 20 agosto la data ultima di chiusura delle competizioni di Serie A, B e C».

Novità: negli stadi sì a 300 persone totali

Gli stadi saranno chiusi ai tifosi, ma aperti per i giornalisti e gli addetti ai lavori. E anche questa è una novità non da poco (inizialmente si vociferava un ingresso per soli calciatori e membri dello staff). Ogni stadio sarà diviso in tre zone: Area tecnica, spalti, area esterne stadio. Al massimo saranno 300 le persone ammesse,100 per zona. Le linee guida specificano dettagliatamente il numero delle persone nella varie zone in momenti diversi durante lo svolgimento della gara. Per esempio con il calcio d’inizio fissato alle 14, dalle 14 alle 17 sono previsti 22 giocatori in campo, 22 riserve e 20 dello staff. Deciso anche il numero dei giornalisti sugli spalti (10), degli steward e dei membri della sicurezza.