Autore: Antonio 2

Serie A Tim - Serie B - Coronavirus

Serie A e B ripartono: due ipotesi di calendario. In caso di giocatore positivo, il campionato non si ferma

Il calcio italiano programma la ripartenza.

The show must go on. A tutti i costi. Mentre tutti gli altri sport hanno annullato le stagioni in corso, il calcio vuole tornare in campo. Stando a quanto rivela il Corriere dello Sport, sono state definito due ipotesi di calendario in caso di ripartenza: una in caso di partenza in parallelo dei tornei nazionali e delle coppe, una in caso di blocchi, quindi prima i campionati poi ad agosto le coppe.

Nell’ipotesi in parallelo, con il campionato e le coppe in contemporanea, la ripartenza è stata fissata per il 27-28 maggio con le semifinali di Coppa Italia. La stagione è destinata a durare fino all’8 agosto, con la finale di Champions League, tre giorni dopo l’Europa League. La finale di Coppa Italia avverrebbe il 29 luglio a Roma. La Serie A avrebbe la ripartenza ufficiale il 31 maggio, con la 27^ giornata, mentre i recuperi sarebbero calendarizzati al 10 giugno e l’ultima giornata al 2 agosto. Date simili potrebbero essere attuate anche per la Serie B.

Caso positivo tra i calciatori? Si continua


Sempre il Corriere dello sport riporta un’altra notizia che ha del clamoroso. Nel caso in cui dopo la ripresa del campionato un giocatore dovesse essere trovato positivo al Coronavirus, il campionato non si fermerà ancora ma andrà regolarmente avanti. Bloccare nuovamente tutto non permetterebbe di avere altre date disponibili per concludere il campionato. Una decisione che certamente farà discutere.