Autore: Paola Verga

Google

8
Ott

Sardegna: Cartelli con divieto di Google Maps

I motivi per cui in Sardegna sono stati messi i cartelli con divieto di utilizzare Google Maps

Quando si decide di partire per un viaggio, soprattutto se la destinazione è in un luogo mai visitato, si decide di usare il navigatore, per evitare di perdersi. Ma a volte capita che anche il navigatore di Google Maps, sbagli e vi faccia finire in strade non percorribili con l’automobile, collocate addirittura in mezzo al nulla. Questo è un problema molto diffuso in varie regioni Italiane come la Sardegna.

Cartelli anti Google Maps: Tutte le informazioni

È proprio per evitare che i turisti possano finire in strade non percorribili con automobili e camper, che la regione sarda, ha deciso di mettere dei cartelli con il divieto di utilizzare Google Maps. Sul cartello, che in questi giorni verrà messo in prossimità di strade in direzione di Bidonie- Trekking per la spiaggia di Cala Luna e sulla strada per US Piggius in direzione Ballu Cannalbu - Gulturtize’ ( la spiaggia di Cala Coloritze’), si potrà vedere il simbolo dell’applicazione di navigazione di Google, preceduto da un NO di colore rosso e sotto la dicitura, in italiano e in inglese : «Non seguire le indicazioni di Google Maps». Inoltre sul cartello sarà indicato anche il divieto di percorribilità dei camper e la dicitura in colore verde «Strada percorribile solo con 4x4» , anch’essa in italiano e in inglese.

Il motivo della decisione di mettere i cartelli, è stato causato dalle numerose chiamate ai vigili del fuoco che con i pastori locali, sono dovuti intervenire ad aiutare gli automobilisti in difficoltà. Sulle mappe di Google Maps, si vede chiaramente che la strada è tranquillamente percorribile, quando invece è piena di rocce e arbusti. Anche se è già stato segnalato il problema, delle strade non percorribili in auto, ma solo a piedi o con il 4x4, all’app di Google, da parte di alcuni addetti dell’area archeologica di Tortoli, Google Maps non ha ancora risolto la questione. Non è la prima volta che la Sardegna ha problemi con le mappe di Google, perché nell’anno 2013, Google aveva riconosciuto alla Sardegna piena sovranità nazionale.

Google Maps e i problemi di privacy

Durante il passaggio delle Google car, a volte non segnalato a dovere, può capitare che si viene immortalati dalle fotocamere. È quello che è successo a diverse persone che si trovavano a compiere delle attività, come prendere il sole al posto di andare a scuola o parlare con delle persone, che sono stati «beccati». I fatti risalgono al 2010, quando Google è passato in giro per la vie d’Italia, con le sue auto. I malcapitati hanno denunciato Google, per violazione della privacy e il colosso ha dovuto pagare una multa molto salata, pari ad un milione di euro. Le autorità hanno dato ragione alle persone e hanno imposto a Google Maps di rendere pubblico l’indicazione delle Google car, con avvisi su siti internet o alle radio, almeno tre giorni prima del passaggio.