Autore: Antonio

catanzaro

Reggina- Catanzaro: il Presidente Gallo tumefatto nel travestimento. Da Reggio: «Istigazione alla violenza!» La foto

Reggina- Catanzaro sarà ricordata senza dubbio come una delle gare con più pelemiche in questa prima parte di Serie C. Basti pensare che a distanza di un mese dal match ancora ci sono polemiche roventi attorno a quello che è accaduto. La gara, vista allo stadio Granillo da oltre 16 mila spettatori (di cui un migliaio provenienti da Catanzaro) è finita 1-0 per la Reggina.

Alla fine del match, come si ricorderà, il Presidente della Reggina, Luca Gallo, aveva esultato ed indossato la maglia con la scritta «lavati i pedi e va curcate» (guarda qui). Una scritta che aveva subito infuocato il post derby, con gli ospiti che l’avevano considerata offensiva.

La risposta dei tifosi del Catanzaro

Sui social, nei giorni seguenti al match, si erano consumate le polemiche e la gara tra Reggina e Catanzaro fu uno dei top trend su facebook per alcuni giorni. Adesso, a distanza di tempo, arriva la risposta di qualche tifoso del Catanzaro che ha pensato, nel periodo di Halloween, di travestirsi da presidente Gallo con il volto tumefatto e il sangue che esce dalla bocca. Gallo è ben riconoscibile non solo dalla somiglianza, ma anche dalla maglietta (stessa scritta di quella esposta dal Presidente reggino nel derby). Il travestimento poi si conclude con un cartello: «sti giallorossi... io stavo a scherzà... tacci vostri!»

Inutile dire che la foto ha fatto il giro del web provocando reazioni molto contrastanti. C’è chi l’ha considerato un travestimento fatto solo per ridere e sdrammatizzare dopo le polemiche del derby, chi invece l’ha considerato una vera e propria istigazione alla violenza. Di seguito la foto, ormai pubblica perchè presente in vari gruppi di facebook.