Autore: Antonio 2

Serie A Tim - Serie B

6
Apr 2020

«Pronti al ricorso, nell’ultima gara classe arbitrale decisiva»: la serie A già trema

«Alcuni miei colleghi credono che facendo i loro interessi tutto il sistema calcio ne giova, ma è esattamente il contrario. Hanno sempre la volte pronta sotto l’ascella. Ci stiamo perdendo in tante discussioni sciocche» inizia così l’intervento, molto duro di Maurizio Stirpe, Patron del Frosinone intervistato da Radio Radio.

Tutto il calcio è nel caos ma il Presidente Maurizio Stirpe ha le idee chiare: non vuole far passare il suo Frosinone da vittima. Il Frosinone quando il campionato si è fermato era terzo a soli due punti dalla promozione. A questo punto sarebbe una beffa non essere promosso in A e non poter nemmeno disputare i play off come da regolamento. Insomma, il Frosinone sarebbe una delle vittime calcistiche del Coronavirus.

Stirpe del Frosinone: «pronti a fare ricorso»

Stirpe interviene sulle parole del Presidente della Figc Gabriele Gravina il quale ha spiegato che nel caso di blocco dei campionati, le prime due saliranno dalla Serie B alla Serie A e le ultime due della Serie A retrocederanno in cadetteria. Ovviamente lui non ci sta. «Soltanto Crotone e Benevento promosse in A? La Federazione non può intervenire su modalità decise dalla Lega, siamo già pronti a fare ricorso alle autorità giudiziarie. Sul Benevento in quanto a meriti sportivi non c’è dubbio, ma sulla posizione del Crotone che ci precede di due punti e sarebbe dietro se ci fossimo fermati una partita prima, che è stata una partita disputata a porte chiuse dove la terna arbitrale ne ha fatte di tutte e di più, francamente c’è poco merito sportivo».