Autore: Antonio 2

Serie A Tim

Lecce, il giorno dopo la retrocessione una grande sorpresa: ma la tifoseria si puó spaccare

Il Lecce pensa già al futuro dopo la retrocessione in Serie B.

Il Lecce ieri è retrocesso, ma vuole ripartire subito. Già oggi iniziano ad esserci le prime voci di programmazione per il futuro in una Serie B che si prospetta già piena di club ambiziosi.

Le voci di oggi, lanciate dell’esperto di mercato, Alfredo Pedullà, riguardano il direttore sportivo: potrebbe concretamente realizzarsi il ritorno di Pantaleo Corvino alla regia della direzione sportiva. Un ritorno che sarebbe sicuramente accolto con molto piacere da buona parte della tifoseria giallorossa, ma che allo stesso tempo potrebbe creare screzi con la Curva che si lasciò in modo non molto affettuoso con il direttore sportivo quando passò alla Fiorentina. Lo striscione «Corvino l’ingrato sei tu» fu eloquente dei rapporti deteriorati negli ultimi mesi in cui Corvino fu direttore sportivo del Lecce.

Pedullà: Liverani e Corvino al Lecce

Scrive così Alfredo Pedullà. «Ora che la retrocessione è una dolorosa realtà, Lecce si tufferà subito nel futuro. E il futuro è ormai delineato con il clamoroso ritorno di Pantaleo Corvino, 15 anni dopo. Il direttore sportivo lasciò il Salento nel 2005 proprio per andare alla Fiorentina, ultimo suo club, dopo aver scoperto tantissimi talenti

È il tempo del ritorno. «Adesso sono maturi i tempi per un ritorno che sarebbe clamoroso e che è stato impostato al punto che la trattativa è in stato avanzato. Corvino, che è originario di Vernole, farebbe una scelta di cuore, dopo aver sognato di lavorare con un club in lotta per lo scudetto, l’ultimo tassello in carriera che gli manca. L’idea è quella di legarsi al Lecce (che ha ancora Meluso sotto contratto) per tre stagioni con un piano di rilancio che prevederebbe l’immediato ritorno in Serie A. Mancano ancora alcuni dettagli, ma la strada è tracciata. E si farà di tutto per trattenere Fabio Liverani, puntando sul forte legame con il club. Ma intanto, ecco Corvino: la mossa del Lecce dopo la retrocessione